Martedì 10 Aprile 2018 - 10:15

Influencer per il McDonald's. La denuncia dell'Unione Consumatori

Vengono utilizzati sui social per lanciare locali e prodotti senza alcun avviso che si tratta di pubblicità. Intervengono l'Authority e lo Iap

Apre il nuovo McDonald's del Tritone a Roma e gli influencer (a pagamento) si scatenano. Sulle loro pagine sui social compaiono foto dell'inaugurazione, immagini dei piatti, commenti entusiastici sulla location, l'arredamento, la cucina e via dicendo. Interviene l'Unione Nazionale Consumatori e Mc Donald e gli influencer vengono segnalati all'Autorità Antitrust e allo IAP (Istituto di Autodisciplina della Pubblicità).

La questione è aperta da tempo: è ormai chiaro che l'azione degli influencer (quelli grabndi e famosi ma anche quelli più piccoli ma capaci di "influenzare" il pubblico grazie al gran numero di contatti accumulati nel tempo) è una forma di pubblicità evidente e remunerata. L'Authority, dopo una prima segnalazione dell'Unione Nazionale Consumatori, era intervenuta indicando una serie di criteri generali di comportamento e invitando aziende e influencer a utilizzare alcuni hashtag (#ad #adv #pubblicità #sponsorizzato #advertising #inserzioneapagamento) per avvertire gli utenti dei contenuti pubblicitari. Alle diciture deve sempre seguie il nome del marchio "pubbliizzato". Le regole, ovviamente riguardano tutti i protagonisti: dagli influencer alle aziende che gli ingaggiano.

Gli avvertimenti dell'Authority hanno effettivamente ottenuto risultati soprattutto con i grossi personaggi che si sono (almeno parzialmente) adeguati e hanno cominciato a rendere più "trasparente" i contenuti pubblicitari dei loro post sui social. Ma le aziende hanno trovato altri influencer, molto meno noti, ma non meno conosciuti sui social con decine di migliaia di followers. Questi micro influencer (spesso molto efficaci) vengono continuamente utilizzati, e lo sono stati nel caso del nuuovo Mac Donald di Roma, senza alcuna regola e senza avvisare l'utenza dei contenuti pubblicitari.

"Da qui il nostro esposto nei confronti di Mc Donald's -spiega Massimiliano Dona, presidente dell'Unione Nazionale Consumatori - Italia e di oltre una dozzina di influencer individuati grazie ad una nostra inchiesta: l'imperativo adesso è cominciare a sanzionare gli inserzionisti, le piattaforme e i singoli influencer che continuano a ignorare le linee guida dell'Autorità Antitrust o le regole della Digital Chart pubblicata dallo Iap".

 

 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Milano, aggressione fra condomini del palazzo di Piazza Insubria 3

Roma, trovato corpo su via Braccianense: è giovane scomparso

Il corpo è stato trovato in un dirupo poco distante da una motocicletta in tutto simile a quella usata dal giovane

Roma, Metro C: rischio processo per 25 persone, c'è anche Alemanno

Chiusa l'inchiesta. Tra gli indagati, anche l'ex sindaco della capitale. I pm contestano episodi di corruzione nel periodo tra 2010 e 2015

Roma, Papa Francesco in visita all'ospedale Bambino Gesù

Giallo a Roma, bimba nomade ferita alla schiena: si indaga

Era in braccio a sua madre, in via Palmiro Togliatti, quando ha iniziato a piangere. La donna si è accorta del sangue e l'ha portata in ospedale

Operazione 'Gramigna' dei Carabinieri.Scacco al clan Casamonica

Mafia, blitz Casamonica: al via gli interrogatori di garanzia per arrestati

Tra i primi a comparire davanti al gip, avvalendosi della facoltà di non rispondere, è stato Domenico Strangio, ritenuto dagli inquirenti l'esponente dell'omonima cosca della Locride, che riforniva il clan di cocaina