Giovedì 09 Novembre 2017 - 13:45

Intervento monstre a Roma, gemelle siamesi separate al Bambino Gesù

Le due piccole (17 mesi, origine algerina) unite per torace e addome. Stanno bene. Separati i due cuori e il fegato, ricostruiti sterno e diaframma. I due corpicini sono stati prima ricostruiti in 3D

Il vice sindaco di Roma Luigi Nieri visita l'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù

Due gemelle siamesi di 17 mesi unite per il torace e per l'addome sono state separate con successo all'Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma. L'intervento di separazione su Rayenne e Djihene, provenienti dall'Algeria, è durato 10 ore ed è stato eseguito da un team multidisciplinare di circa 40 persone guidato dal professor Alessandro Inserra, direttore del dipartimento chirurgico. Per preparare l'intervento sono stati realizzati modelli e stampe 3D delle gemelle. Una speciale procedura ha consentito di dimezzare la durata dell'operazione (in media di 18-20 ore) riducendo il tempo di esposizione delle bambine all'anestesia.

Nella storia dell'ospedale è il secondo caso di separazione di gemelli siamesi. L'unico altro intervento di questo tipo risale all'inizio degli anni 80, più di 30 anni fa, e fu eseguito su due gemellini maschi. Anche in quel caso si trattava di siamesi toraco-onfalopaghi (con torace e addome uniti). La nascita di una coppia di gemelli siamesi è legata alla divisione tardiva dell'embrione (a 12-14 giorni di età gestazionale), ma le cause di questo ritardo non sono ancora state scientificamente accertate. E' un evento abbastanza raro: in letteratura si conta 1 caso ogni 50-100mila nati vivi e tra le varie tipologie di gemelli congiunti i toraco-onfalopaghi sono i più frequenti (oltre 4 su 10). In generale, a causa della gravità delle malformazioni, il 75% dei siamesi non sopravvive.

Loading the player...

Stampa degli organi in 3D, Tac e risonanze tridimensionali sono gli strumenti di ultimissima generazione utilizzati dai chirurghi per studiare il caso clinico e per pianificare l'intervento. Durante la fase di indagine, la struttura, gli organi, la rete vascolare e le dimensioni delle gemelline sono state 'replicate' in ogni dettaglio. La preparazione all'intervento di separazione è durata quasi un anno: 11 mesi (da novembre 2016 a ottobre 2017) per consentire all'organismo delle gemelle di sostenere un'operazione chirurgica così complessa e aggressiva. Gli studi clinici sono stati condotti da medici e specialisti di 7 diverse aree: Chirurgia generale, Neonatologia, Chirurgia plastica, Cardiochirurgia, Anestesiologia e rianimazione, Chirurgia epato-bilio-pancreatica, Diagnostica per immagini.

Rayenne e Djihene avevano in comune la gabbia toracica e la cavità addominale, il pericardio (la membrana che riveste il muscolo cardiaco) con due cuori dentro e il fegato, ma con una rete vascolare speculare e distinta che ne permetteva la separazione. Nel corso dell'intervento sono state divise le costole e il fegato; ricostruiti lo sterno (prima inesistente) e il diaframma; è stato diviso e ricreato il pericardio con sostanze biologicamente compatibili; sono stati ricostruiti addome e parete toracica. La quantità di pelle necessaria per concludere l'operazione è stata ottenuta inserendo ai lati del tronco delle gemelline, nei mesi precedenti l'intervento di separazione, due espansori cutanei in silicone.

L'operazione è stata eseguita sabato 7 ottobre ed è durata circa 10 ore, due delle quali dedicate alla preparazione anestesiologica, le restanti alla separazione delle gemelle e alla ricostruzione di addome e torace. Al tavolo operatorio si sono avvicendate 5 équipe chirurgiche a cui era stata assegnata una precisa fase dell'intervento. Dopo la separazione, la procedura di ricostruzione è stata condotta in parallelo in due sale operatorie. Grazie a questo tipo di organizzazione, è stato possibile ridurre la durata dell'operazione e quindi il tempo di esposizione delle bambine all'anestesia. Dopo un periodo di osservazione in terapia intensiva, il 24 ottobre le piccole algerine sono potute tornare nel reparto di Chirurgia.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Operazione 'Gramigna' dei Carabinieri.Scacco al clan Casamonica

Mafia, blitz Casamonica: al via gli interrogatori di garanzia per arrestati

Tra i primi a comparire davanti al gip, avvalendosi della facoltà di non rispondere, è stato Domenico Strangio, ritenuto dagli inquirenti l'esponente dell'omonima cosca della Locride, che riforniva il clan di cocaina

Operazione 'Gramigna' dei Carabinieri.Scacco al clan Casamonica

Mafia, la cognata del boss: prima pentita del clan Casamonica

Debora C. ex moglie di Massimiliano Casamonica, decisiva nell'indagine che ha portato a 37 arresti. "Loro incutono timore e nessuno li denuncia"

Roma, inizio del processo ai carabinieri coinvolti nel caso Cucchi

Cucchi, madre in lacrime in aula: "Dal cadavere non l'ho riconosciuto"

Il toccante racconto di Rita Calore, mamma del geometra morto il 22 ottobre 2009 alcuni giorni dopo l'arresto per droga. Sono cinque i carabinieri coinvolti nel processo

vaccini antinfluenzali

Record vaccini nel 2017: 123 milioni di bambini nel mondo

Nove su dieci sono protetti da difterite-tetano-pertosse