Venerdì 19 Maggio 2017 - 08:00

Presidenziali in Iran, sfida fra Rohani e conservatore Raisi

Quasi 57 milioni di cittadini sono chiamati alle urne

Supporters of Iran's President Hassan Rouhani take part in a campaign rally in Tehran

Urne aperte in Iran per le elezioni presidenziali. "Tutti dovrebbero votare per questa importante elezione... Votate nelle prime ore", è stato l'appello dell'ayatollah Ali Khamenei citato dalla televisione di Stato.

Quasi 57 milioni di cittadini sono chiamati alle urne sia per scegliere il nuovo presidente, sia per eleggere i rappresentanti nei Consigli municipali. La competizione su cui sono concentrati gli occhi del mondo è quella per il nuovo capo dello Stato: gli iraniani dovranno scegliere se andare avanti con il riformista Hassan Rohani o far tornare al potere i conservatori. Il principale rivale di Rohani è Ebrahim Raisi. 

Le candidature approvate dal Consiglio dei guardiani della rivoluzione erano sei, ma gli aspiranti presidenti rimasti in corsa sono formalmente quattro, e di fatto tre. Si tratta di: Hassan Rohani, presidente uscente, 68 anni, riformista, che rivendica come successo l'accordo sul nucleare raggiunto con le potenze occidentali del 5+1; Ebrahim Raisi, conservatore, 56 anni, nominato dall'ayatollah Ali Khamenei a capo della più importante fondazione islamica del Paese, la Astan Quds Razavi, che controlla il santurario della città di Mashhad; e altro conservatore in lizza è Mostafa Mirsalim, 69 anni, ex consigliere di Khamenei quando questi era presidente negli anni '80 ed ex ministro della Cultura. Fuori gioco invece: il conservatore Mohammad Baqer Qalibaf, sindaco di Teheran, che ha lasciato la corsa e ha fatto l'endorsement per Raisi; il moderato Eshagh Jahangiri, che ha scelto di appoggiare Rohani; e il riformista Mostafa Hashemitaba, 70 anni, ex vice presidente dal 1994 al 2001, che all'ultimo momento ha invitato anche lui i cittadini a votare per Rohani.
L'affluenza alle urne potrebbe essere decisiva. Tanto i candidati, quanto il leader supremo Ali Khamenei hanno lanciato un appello a una partecipazione massiccia al voto. Gli elettori conservatori sono solitamente i più fedeli alle urne per cui, secondo diplomatici e analisti consultati da Efe, un'affluenza alta potrebbe far pendere la bilancia a favore di Rohani. Nel 2013, quando Rohani fu eletto la prima volta, la partecipazione fu del 73% circa. Secondo una recente rilevazione dell'agenzia di stampa di Stato Irna, l'affluenza potrebbe attestarsi intorno al 67%. Stando al sondaggio, il 27,8% è d'accordo con la visione delle cose dei riformisti, mentre il 23,3% si trova in linea con i conservatori e un 14% con i moderati, mentre gli altri hanno dichiarato che non propendono per nessuno dei blocchi. Sono stati allestiti 63mila seggi e saranno dispiegati 300mila agenti: già da ieri sera sono entrate in vigore alcune misure di sicurezza, come per esempio la chiusura di alcune strade di Teheran.

Rohani è il candidato di moderati e riformisti e per lui hanno chiesto il voto figure di rilievo di questa corrente, come l'ex presidente Mohammed Khatami e i leader del cosiddetto Movimento Verde. Inoltre Rohani ha incassato l'appoggio degli altri due candidati del suo orientamento che erano in corsa, cioè Eshagh Jahangiri, che si è appunto ritirato, e Mostafa Hashemitaba, che ha annunciato che voterà per l'attuale presidente. Quanto al fronte conservatore, è rappresentato principalmente dal religioso Ebrahim Raisi, custode della fondazione del mausoleo dell'imam Reza a Mashhad, e appunto dall'ex ministro della Cultura Mostafa Mirsalim. I conservatori, tuttavia, sono orientati soprattutto verso Raisi, la cui candidatura ha incassato appunto il sostegno del sindaco di Teheran, Mohammad Baqer Qalibaf, dopo il suo ritiro dalla corsa.
Rohani, rivendicando i progressi dovuti alla sua apertura al resto del mondo, ha provato a mobilitare il suo potenziale elettorato avvertendo dei rischi di un ritorno all'isolamento internazionale e alle restrizioni delle libertà in caso di vittoria di Raisi. Il conservatore, invece, si è concentrato sulle promesse di un miglioramento della situazione economica e del pugno duro affinché le potenze occidentali rispettino gli impegni sottoscritti nell'accordo nucleare del 2015, nonché sulla garanzia di salvaguardare i principi islamici.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Attentato Barcellona, gli oggetti in memoria delle vittime saranno trasferiti al Museo di Storia

Attentati Catalogna, la mente era un informatore dei servizi segreti

La rivelazione del quotidiano El Pais, confermata da Madrid. Si tratta dell'Imam di Ripoll: Abdelbaki Es-Satty

A protestor holds the Catalan flag as he awaits the arrival of sacked Catalan President Carles Puigdemont at court in Brussels

Catalogna, rinviata decisione su estradizione Puigdemont, udienza il 4/12

I mandati europei sono stati spiccati per sedizione, ribellione, malversazione, disobbedienza e prevaricazione

Golpe in Zimbabwe: il presidente Mugabe nelle mani dell'esercito

Zimbabwe, Mugabe torna in pubblico. Continuano le pressioni per farlo dimettere

Il presidente ha partecipato a una cerimonia di laurea ad Harare, dopo le notizie secondo cui i militari avrebbero preso il potere

Golpe in Zimbabwe: il presidente Mugabe nelle mani dell'esercito

Zimbabwe, Mugabe resiste. Pressioni affinché si dimetta

Il leader 93enne è chiuso nella residenza presidenziale ad Harare. Sembra resistere. L'esercito nega che si sia trattato di un golpe