Domenica 10 Settembre 2017 - 13:30

Irma raggiunge la Florida: 3 morti, 381mila persone senza luce

Nello Stato Usa è stato emesso un ordine di evacuazione per 6,3 milioni di abitanti. Sono 22 i morti nei Caraibi

Irma, inondazioni, case distrutte e maxi black-out

L'uragano Irma ha toccato terra sulle Florida Keys, isole a sud della Florida. Al momento, secondo quanto riporta Abc News, il bilancio delle vittime è di almeno tre morti. Secondo l'emittente una delle vittime, registrata nella contea di Monroe che include anche Key West, è un uomo che ha perso il controllo del furgone che guidava per portare un generatore di corrente; le altre due vittime, invece, sono morte in un incidente d'auto sotto la pioggia nella contea di Hardee. Queste vittime, unite alle almeno 22 già provocate da Irma nelle sue tappe precedenti, portano a 25 morti il bilancio provvisorio complessivo.

Oltre 381mila utenti sono senza corrente elettrica in conseguenza dell'uragano Irma. Secondo il servizio di tracking degli aerei FlightAware.com, sono oltre 2mila i voli cancellati dentro e fuori dalla Florida. Disagi anche nei trasporti di tera, dal momento che milioni di persone sono in fuga per mettersi al riparo in posti sicuri. Il centro di Miami, dove era stato dichiarato il coprifuoco fino alle 7 ora locale di domenica, le 13 in Italia, è quasi deserto a seguito dei ripetuti avvertimenti delle autorità di procedere con le evacuazioni prima che fosse troppo tardi. In Florida, complessivamente, è stata ordinata l'evacuazione di 6,3 milioni di persone, cioè circa un terzo della popolazione dello Stato, che è il terzo più popoloso degli Usa; si sono così creati massicci ingorghi stradali sulle autostrade e molti centri di accoglienza sono sovraffollati.

A Cuba Irma è arrivato nella serata locale di venerdì, lasciandosi dietro 22 morti nelle isole caraibiche già colpite, fra cui le Piccole Antille che ora fanno i conti con il potente uragano Jose, di categoria 4. Irma ha lasciato distruzione sull'isola di Barbuda e sull'isola caraibica di St. Martin, per metà francese e per metà olandese. Quanto a Katia, è stato declassato a depressione tropicale dopo avere toccato terra in Messico, che continua però a minacciare con forti piogge dopo avere provocato una frana con due morti.

Loading the player...

Irma è il primo uragano di categoria 5 a toccare terra cubana dal 1932. Prima che arrivasse sull'isola, nella provincia di Ciego de Avila, il governo comunista aveva evacuato circa 700mila persone, fra cui decine di migliaia di turisti stranieri dai resort sulla costa settentrionale. È previsto che nella provincia di Ciego arrivino onde alte fino a 7 metri: e all'Avana inondazioni sono attese lungo il famoso Malecon, il lungo mare della capitale; l'acqua potrebbe avanzare fra 200 e 500 metri sulla terraferma.

Dal 1851 gli Stati Uniti sono stati colpiti soltanto da tre uragani di categoria 5 e, secondo l'Agenzia federale per la gestione delle emergenze (Fema), Irma è di gran lunga più grande dell'ultimo, Andrew, che raggiunse gli Usa nel 1992. Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, in un videomessaggio ha parlato di "una tempesta dal potenziale distruttivo assolutamente storico" e di "proporzioni epiche". In Florida è stata evacuata anche la sua residenza di Mar-a-Lago, a Palm Beach, nota come la 'Casa Bianca d'inverno' visto che è qui che ha trascorso molti fine settimana invernali. Questo fine settimana, invece, Trump si trova con la moglie Melania nella residenza di Camp David, in Maryland. Qui ha convocato una riunione del suo Gabinetto per discutere proprio dei preparativi in vista dell'arrivo di Irma.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Spagna, la policia nacional lascia le città catalane

Barcellona, 34enne italiano morto accoltellato durante una rissa

È deceduto in ospedale, dove era arrivato in stato critico

Isabell e Preble: morire insieme dopo 71 anni di matrimonio

Una storia americana: si sposarono nel 1946, hanno vissuto sempre vicini e se ne sono andati a poche ore di distanza l'uno dall'altra

The Argentine military submarine ARA San Juan and crew are seen leaving the port of Buenos Aires

Sottomarino scomparso: ci fu esplosione in zona ultimo segnale

Un "rumore" era stato registrato circa tre ore dopo l'ultima comunicazione avuta con il mezzo disperso dal 15 novembre

Ratko Mladic

Chi è Ratko Mladic: 'macellaio' di Srebrenica e assedio Sarajevo

L'ex generale è stato condannato per genocidio e crimini contro l'umanità