Venerdì 17 Marzo 2017 - 10:30

Istat: A gennaio export +0,5% e import -0,2% su base mensile

I prezzi delle importazioni +0,2% mensile e +4,7% annuale

Istat: A gennaio export +0,5% e import -0,2% su base mensile

A gennaio 2017, rispetto al mese precedente, l'export aumenta dello 0,5% e l'import diminuisce dello 0,2%. Lo comunica l'Istat. Il saldo commerciale è pari a -574 milioni (+34 milioni a gennaio 2016). Al netto dell'energia, si registra un avanzo di 2,7 miliardi di euro. A gennaio 2017 rispetto a 12 mesi prima, si rileva un aumento sia dell'import (+15,5%) sia dell'export (+13,3%), determinato principalmente dalla sostenuta crescita dell'interscambio con l'area extra Ue. Al netto delle differenze nei giorni lavorativi (21 a gennaio 2017 contro 19 di gennaio 2016), l'aumento risulta più contenuto: +10,7% per l'import e +10,1% per l'export.

La crescita mensile dell'export, per il quarto mese consecutivo, è determinata dall'incremento delle vendite verso i mercati extra Ue (+2,8%), mentre quelle verso i mercati Ue (-1,3%) sono in diminuzione. La contenuta flessione degli acquisti è da ascrivere ai beni di consumo (-5,5%) e a quelli strumentali (-4,5%). Negli ultimi tre mesi l'export cresce congiunturalmente del 3,8%, con un incremento più ampio per i paesi extra Ue (+5,9%) rispetto a quelli Ue (+2,2%). Paesi Asean (+57,0% su gennaio 2016), Russia (+39,4%), Cina (+36,5%), Stati Uniti (+35,8%), Giappone (+28,8%) e Germania (+9,6%) sono, tra i principali mercati si sbocco, i più dinamici all'export. L'aumento delle vendite di prodotti petroliferi raffinati (+69,4%), autoveicoli (+27,7%) e articoli farmaceutici chimico-medicinali e botanici (+25,9%) è rilevante. In forte crescita l'import da paesi Opec (+53,4%) e Russia (+43,3%) e gli acquisti di petrolio greggio (+123,9%).

A gennaio 2017 l'indice dei prezzi all'importazione dei prodotti industriali aumenta dello 0,2% rispetto al mese precedente e del 4,7% nei confronti di gennaio 2016. L'aumento dei prezzi all'importazione dipende principalmente dalle dinamiche del comparto energetico, al netto del quale l'indice registra un aumento dello 0,3% in termini tendenziali mentre rimane invariato rispetto al mese precedente.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Roma - Aereoporto di Fiumicino: Sciopero e corteo dei lavoratori precari di Alitalia

Alitalia, bocciato il referendum A Milano e Roma vince il 'no'

Alta la partecipazione al voto, con un'affluenza vicina al 90%

La manovra è legge: tutto quello che c'è da sapere sul decreto

La manovra è legge: tutto quello che c'è da sapere sul decreto

Dallo split payment al fondo per il sisma, tante le novità del testo

Referendum su Alitalia, a Milano e Roma vince il 'no': bocciato il piano aziendale

Referendum su Alitalia, vince il 'no': bocciato il piano aziendale

Vertice a Palazzo Chigi tra Gentiloni, Calenda e Delrio. Alta la partecipazione al voto, con un'affluenza vicina al 90%

Fitch boccia l'Italia e abbassa il rating a 'BBB': Rischio governo debole e populismo

Fitch abbassa rating Italia: Rischio governo debole e populismo

L'agenzia denuncia poi un peggioramento fiscale e l'instabilità del settore bancario