Martedì 14 Febbraio 2017 - 10:15

Istat, nel 2016 aumento stimato del Pil dello 0,9%

Nel quarto trimestre il prodotto interno lordo è aumentato dello 0,2%

Istat, nel 2016 aumento stimato del Pil dello 0,9%

La variazione annua del Pil per il 2016, stimata sui dati trimestrali grezzi, è stata dello 0,9%. Lo rileva l'Istat, segnalando che la variazione acquisita per il 2017 è pari al +0,3%. Il dato è comunque stimato. I risultati dei conti nazionali annuali per il 2016 saranno diffusi il prossimo 1° marzo, mentre quelli trimestrali, coerenti con i nuovi dati annuali, verranno comunicati il 3 marzo. La prossima stima preliminare del Pil è invece fissata per il 16 maggio.

Nel quarto trimestre del 2016 il prodotto interno lordo è aumentato dello 0,2% rispetto al trimestre precedente e dell'1,1% nei confronti del quarto trimestre del 2015. Lo rileva l'Istat nella sua stima preliminare. Negli ultimi tre mesi del 2016, segnala ancora l'Istat a titolo comparativo, il Pil è aumentato su base trimestrale dello 0,5% negli Stati Uniti, dello 0,6% nel Regno Unito e dello 0,4% in Francia. Su base annua, la crescita è stata del 2,2% nel Regno Unito, dell'1,9% negli Stati Uniti e dell'1,1% in Francia.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Alitalia

Alitalia, raggiunta intesa sul contratto

Sindacati: Ribadita validità ccnl. Calenda: Importante passo in avanti

Passo indietro di Intesa Sanpaolo: rinuncia a scalata Generali

Passo indietro Intesa Sanpaolo: rinuncia a scalata Generali

Il management della banca "non ha individuato le opportunità" necessarie per creare valore

Tav, terminato lo scavo a Chiomonte: prossimo step tunnel di base

Tav, terminato scavo Chiomonte: prossimo step tunnel di base

Telt ha sottolineato: "Nessuna criticità ambientale in oltre 40.000 misurazioni"

L'Ue bacchetta l'Italia: Squilibri economici eccessivi, crescita fiacca per debito

L'Ue bacchetta l'Italia: Squilibri economici eccessivi

Le misure per la correzione dei conti pubblici, pari almeno allo 0,2% del Pil, devono essere adottate "entro aprile"