Mercoledì 14 Febbraio 2018 - 10:30

Il Pil del 2017 cresce dell'1,4%. È il dato migliore dal 2010

Se si considera che lo scorso anno conta due giorni lavorati in meno la percentuale corretta è dell'1,5%

SEAT, la fabbrica dove nasce la nuova Ibiza e Arona

Nel 2017 il Pil corretto per gli effetti di calendario è aumentato dell'1,5%. Lo rileva l'Istat, precisando che la variazione annua del Pil stimata sui dati trimestrali grezzi è invece pari a +1,4%. Nel 2017, spiega l'istituto statistico, ci sono state due giornate lavorative in meno rispetto al 2016.

L'aumento del Pil grezzo è il più alto dall'anno 2010, quando l'incremento era stato dell'1,7%. In valore assoluto, sottolinea l'Istat, alla fine del quarto trimestre è ancora più basso del 5,7% rispetto a quello registrato nel primo trimestre del 2008. I risultati dei conti nazionali annuali per il 2017, fa sapere ancora l'istituto, saranno diffusi il prossimo primo marzo, mentre quelli trimestrali coerenti con i nuovi dati annuali verranno comunicati il 2 marzo. 

La variazione del Pil acquisita per il 2018, ovvero la crescita che si avrebbe nell'anno se ogni trimestre segnasse una variazione nulla, è positiva e dello 0,5% in slancio all'anno appena concluso.

Nel quarto trimestre del 2017 il prodotto interno lordo, espresso in valori concatenati con anno di riferimento 2010, corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, è aumentato dello 0,3% rispetto al trimestre precedente e dell'1,6% nei confronti del quarto trimestre del 2016.

 

Nel terzo trimestre del 2017, il Pil era cresciuto dello 0,4% sui tre mesi precedenti e dell'1,7% su anno. Il quarto trimestre, spiega l'Istat, ha avuto tre giornate lavorative in meno del trimestre precedente e una giornata lavorativa in meno rispetto al quarto trimestre del 2016. "L'incremento congiunturale - si legge nella nota dell'istituto - è la sintesi di una diminuzione del valore aggiunto nel comparto dell'agricoltura e di un aumento nell''industria e nei servizi. Dal lato della domanda, vi è un contributo positivo sia della componente nazionale (al lordo delle scorte), sia della componente estera netta". Nello stesso periodo il Pil è aumentato in termini congiunturali dello 0,6% sia negli Stati Uniti sia in Francia e dello 0,5% nel Regno Unito. In termini tendenziali, si è registrato un aumento del 2,5% negli Stati Uniti, del 2,4% in Francia e dell'1,5% nel Regno Unito.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Wall Street il cuore dell'economia mondiale

Moody's mette sotto esame rating Italia: rischio retrocessione

Sotto la lente anche il contratto di governo M5S-Lega che include "potenziali costose misure su tasse e spesa, senza proposte chiare su come finanziarle"

Facebook and Instagram down

Antitrust, pubblicità occulta su Instagram sotto lente Garante

La conferma Giovanni Calabrò, direttore Direzione Generale per la Tutela del Consumatore Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato

Antitrust, sessione del 13mo convegno a Treviso

Conte incontra le vittime delle banche, Calabrò (Antitrust): "Puntare su tutela"

Il direttore della Direzione Generale per la Tutela del Consumatore Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato commenta la visita del premier incaricato ai risparmiatori truffati