Lunedì 03 Ottobre 2016 - 11:00

Istat, potere d'acquisto famiglie +2,9%: miglior dato dal 2007

Bene anche il rapporto deficit/Pil e la pressione fiscale, in discesa

Istat, potere d'acquisto famiglie +2,9%: migliore dato dal 2007

Buone notizie sul fronte economico dall'Istat. Il potere d'acquisto delle famiglie nel secondo trimestre del 2016 è aumentato dell'1,1% e del 2,9% su base annua, che rappresenta l'aumento più significativo dal secondo trimestre del 2007. Il reddito disponibile delle famiglie consumatrici è aumentato dell'1,3% rispetto al trimestre precedente, mentre i consumi sono cresciuti dello 0,2%. Di conseguenza, la propensione al risparmio delle famiglie consumatrici è aumentata di 0,9 punti percentuali rispetto al trimestre precedente, salendo al 9,6%. Bene anche il deficit in rapporto al Pil è stato pari allo 0,2% nel secondo trimestre del 2016, in miglioramento di 0,7 punti percentuali rispetto allo stesso trimestre del 2015. Si tratta del miglior risultato dal secondo trimestre del 2007, quando si era registrato un avanzo del 2,2%. Buone notizie anche sul fronte della pressione fiscale nel secondo trimestre del 2016 è stata pari al 42,3%, segnando una riduzione di 0,4 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Fox, raggiunto accordo con Disney per 38 dollari ad azione

L'acquisizione degli asset costerà alla multinazionale di Burbank un totale di 71,3 miliardi di dollari

Volkswagen e Ford: al via l'intesa per un'alleanza strategica

Firmato un memorandum tra le due grandi case automobilistiche: "Opportunità per essere più competitivi"

CAMBIO EURO-DOLLARO - EURO AI MASSIMI STORICI SUL DOLLARO

Allarme Ocse: "Partiti populisti possono frenare Pil eurozona"

L'italia è in coda ai partner della moneta unica per crescita nel biennio in corso

Camera dei Deputati - Voto di fiducia al governo Conte

Def, approvata risoluzione di maggioranza: stop aumento Iva e accise

Il ministro Tria alla Camera: "Essenziale l'impegno sul debito". E sull'Eurozona: "Serve profonda riforma, gravi inadeguatezze"