Mercoledì 31 Maggio 2017 - 10:00

Istat: Scende il tasso di disoccupazione, 11,1% ad aprile

Nel periodo che va da febbraio ad aprile si registra una crescita degli occupati dello 0,4%

Istat: Scende il tasso di disoccupazione, 11,1% ad aprile

Ad aprile la stima degli occupati cresce dello 0,4% rispetto a marzo (+94 mila unità), con il tasso di disoccupazione che si porta all'11,1%. Lo rileva l'Istat, segnalando che anche nel periodo febbraio-aprile si registra una crescita degli occupati sui tre mesi precedenti dello 0,4%.  L'aumento dell'occupazione sul mese, che si rileva sia per le donne (+0,1%) sia soprattutto per gli uomini (+0,6%), interessa le persone ultracinquantenni (+0,5%) e in misura minore i 25-34enni, mentre si registra un calo nelle restanti classi di età. Cresce il numero di lavoratori dipendenti (+0,4%), sia permanenti (+0,3%) sia a termine (+1,3%). In aumento nell'ultimo mese anche gli indipendenti (+0,4%). Il tasso di occupazione sale al 57,9% (+0,2 punti percentuali). 

Il tasso di disoccupazione giovanile invece si conferma al 34%, invariato rispetto al dato di marzo.Su base trimestrale, il dato di febbraio-aprile si presenta invece in calo del 4,3% rispetto a quello di novembre-gennaio.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

A Milano stipendi doppi rispetto a Vibo: il gap Nord-Sud è di 8mila euro

Dal 2009 le retribuzioni orarie sono aumentate ovunque, ma al Nord il ritmo è stato nettamente superiore

Amazon sales figures

Troppi lavoratori interinali. Amazon dovrà assumerne 1.300

Interviene l'Ispettorato nazionale del Lavoro. Superato di tre volte il limite di 444 contratti di "lavoro somministrato"

Disoccupazione stabile ad aprile, sale al 33,1% quella giovanile

Occupati in crescita, superato il livello pre-crisi del 2008

La protesta degli operai dell'ILVA di Taranto davanti ai cancelli della fabbrica

Lavoro, nel 2018 cala disoccupazione. Occupati in aumento dello 0,8%

Continua il miglioramento della situazione iniziato nel 2017. Ma i livelli europei sono ancora lontani