Martedì 14 Novembre 2017 - 10:15

Italia fuori dal Mondiale, Tavecchio: "Domani riunione". Malagò: "Dimettiti"

Dopo la delusione, è tempo di valutazioni. La Figc riubisce i suoi vertici senza Ventura. Commissariamento? Non ci sono gli estremi

E' tempo di esami e valutazioni dopo la mancata qualificazione al Mondiale 2018. Secondo quanto si apprende, domani si terrà una riunione in Figc, in cui il presidente Carlo Tavecchio convocherà le componenti della Federcalcio per fare il punto e valutare la situazione del ct Gian Piero Ventura.

"Siamo profondamente amareggiati e delusi per la mancata qualificazione al Mondiale, è un insuccesso sportivo che necessita una soluzione condivisa e per questo ho convocato domani una riunione con tutte le componenti federali per fare un'analisi approfondita e decidere le scelte future", ha dichiarato il numero 1 di Via Allegri in una nota diffusa dalla Figc.

Ma da più parti arrivano le richieste di dimissioni dello stesso Tavecchio. Le scelte sulla nazionale (a cominciare da quella di Ventura ct) sono state sue e molti osservatori sostengono che, adesso, bisogna azzerare tutta la struttura di governance del calcio italiano.

Sul tema è intervenuto anche il presidente del Coni, Giovanni Malagò: "Ho sentito Tavecchio, mi ha detto che ha convocato un incontro con i rappresentanti delle sue componenti e voleva confrontarsi con

i suoi interlocutori. E' padrone di assumersi le responsabilità. Se fossi Tavecchio mi dimetterei"

 

Loading the player...

Malagò ha risposto a una domanda sull'eventuale commissariamento della Figc: "E' stata una delusione clamorosa, un uomo di istituzioni deve ragionare con il buon senso e le norme. Per essere concreti il presidente del Coni può e deve commissariare una federazione in 3 casi: solo se non funziona la giustizia sportiva, la regolarità dei campionati o per gravi irregolarità amministrative. Ad oggi questi tre fatti non ci sono, non ci sono gli strumenti formali e procedurali per un commissariamento".

Infine il capitolo Ventura. "Se mi aspettavo le sue dimissioni immediate? Non credo che questo sia il punto, non penso che il problema sia soltanto Ventura. Se è vero che il contratto sarebbe stato rinnovato solo nel momento in cui l'Italia si fosse qualificata per i Mondiali, di cosa stiamo parlando? Presumo che questo contratto duri soltanto qualche mese, per cui la sostanza cambia poco: di fatto Ventura non ha il rinnovo. Che si dimetta oggi o tra venti giorni o un mese cambia poco. Non credo che il tema sia solo Ventura".

"L'inizio del suo progetto era legato ad un'altra filiera di carattere tecnico che prevedeva un ruolo significativo di Marcello Lippi che poi non è più andato a buon fine. Probabilmente sul ruolo di Ventura, che poi è diventato responsabile di tutte le squadre nazionali, c'è stata una valutazione sbagliata. Non cambio giudizio su di lui: il dg si è trovato senza un ad e purtroppo è stata una scommessa persa", ha aggiunto Malagò.

Loading the player...
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Giro d’Italia U23: a Rubio la quinta tappa. Williams indossa la maglia rosa

Il colombiano chiude davanti al nuovo leader della generale e al kazako Natarov. Lontani gli italiani: Caiati, il migliore, è sedicesimo. Mercoledì la sesta giornata su LaPresse dalle 17:00

ENG, UEFA CL, Manchester City vs FC Liverpool

Da Guardiola 150mila euro per riparare la nave di Proactiva Open Arms

Un gesto importante per sostenere la ong catalana che si occupa di primo soccorso e salvataggi in mare

Calcio a 5, finali scudetto: l'Acqua&Sapone è campione d'Italia

Per gli abruzzesi è il primo tricolore. Battuta, dopo cinque partite e una serie intensissima, la Luparense detentrice del titolo. Sesto scudetto per Edgar Bertoni, che raggiunge Humberto Honorio, capitano dei veneti

Astori, secondo la nuova perizia il giocatore non è morto nel sonno, è stata 'tachiaritmia'

Forse il capitano della Fiorentina si sarebbe salvato se avesse condiviso la camera con qualcuno che poteva dare l'allarme