Giovedì 12 Gennaio 2017 - 10:30

Jobs act, Landini: Su articolo 18 tenteremo tutte le strade

Ha insistito sulla necessita' che i voucher siano aboliti

Jobs act, Landini: Contro articolo 18 tenteremo tutte le strade

Appena saranno rese note le motivazioni della decisione di ieri della Corte Costituzionale sull'inammissibilita' del referendum sul Jobs act, il sindacato "valutera' quali sono tutte le strade" percorribili, "italiane, europee, legislative e contrattuali". Lo ha affermato il segretario generale della Fiom, Maurizio Landini, che si e' detto "curioso di capire le motivazioni che hanno portato a rendere non ammissibile" il quesito referendario sul Jobs act. Intervistato a Radio Anch'io su Radio2, Landini ha ricordato che nel 2003 il quesito referendario sull'articolo 18 era stato ritenuto invece ammissibile. Il leader dei metalmeccanici della Cgil ha quindi insistito sulla necessita' che i voucher siano aboliti, ritenendo sbagliato un intervento correttivo da parte dell'esecutivo: "Il punto non e' vedere i danni fatti, e ne sono stati fatti anche troppi, ma cancellare i voucher" e discutere in Parlamento la Carta dei diritti al centro di una proposta di legge della Cgil, che regola il lavoro occasionale, garantendo diritti e tuteli ai lavoratori
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Giuseppe Conte al Quirinale per l'incarico

Il governo di Conte parte con lo scetticismo degli industriali

Nulla di quanto è stato paventato dal neo premier è in linea con i desiderata di Confindustria, nemmeno Tav e Tap, eppure Di Maio e Salvini non sembrano preoccuparsi

Giuseppe Conte al Quirinale per l'incarico

Governo, Conte è il nuovo premier. Il giurista accetta l'incarico con riserva

Di Maio esulta: "Inizia la terza Repubblica". Lega: "Pronti a partire"

Luigi Di Maio presenta la squadra di Governo

Governo, M5S si divide su Conte premier. Di Maio: "Resta il nostro candidato". Carelli: "Potrebbe saltare"

Si attende la decisione di Mattarella. Il prof indicato da Lega e M5S per l'incarico a presidente dei Consiglio finito nella bufera per le presunte irregolarità nel suo curriculum