Sabato 01 Luglio 2017 - 14:00

Johnny lo Zingaro avvistato a Genova: ricerche in corso

L'ergastolano in semilibertà è evaso dal carcere di Fossano

Johnny lo Zingaro avvistato a Genova

Potrebbe esserci una svolta nella caccia a Giuseppe Mastini, l'ergastolano in semilibertà detto Johnny lo Zingaro, di cui da ieri mattina si erano perse le tracce. Considerato evaso dal carcere di Fossano, in provincia di Cuneo, ufficialmente da ieri sera alle 21, è stato avvisto a Genova. Del caso si occupa la polizia penitenziaria, coadiuvata dalle forze dell'ordine. L'avvistamento risale a ieri alle 12 in zona stazione Brignole del capoluogo regionale ligure. Le immagini relative alla zona sono al vaglio della polizia genovese.

Di Mastini non si avevano più notizie da quando ieri mattina aveva lasciato il carcere di Fossano per recarsi al lavoro a Cairo Montenotte, nel savonese. Ieri Johnny lo Zingaro non si è presentato nel luogo dove svolgeva la sua attività lavorativa. In base alle prime ricostruzioni avrebbe raggiunto Genova in taxi, per poi sparire nel nulla. Sono in corso le ricerche a tutto campo dell'uomo e le indagini per capire come si sia allontanato dalla zona della stazione genovese.

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Milano, auto in un canale: un morto e tre dispersi

Milano, auto in un canale: un morto e tre dispersi

E' successo a a Truccazzano, vittima un cinquantenne dell'Ecuador. Non si trova anche un bimbo

Trasmissione tv "Night tabloid"

Con pistola portano via 20mila euro dal Twiga di Briatore e Santanché

Il bandito si sarebbe introdotto nel club dalla spiaggia e sarebbe scappato in macchina con un complice

Roma, maltempo con pioggia e nuvole

Meteo, nuvole e temperature in calo: le previsioni per il 20 e il 21 agosto

Tempo instabile soprattutto sul medio-basso Adriatico

Turisti e sicurezza in città'

Isis minaccia su Telegram: "Il prossimo obiettivo è l'Italia"

Lo riferisce l'organizzazione Usa Site. Il Viminale comunica di aver espulso due marocchini e un siriano per motivi di pericolosità sociale