Martedì, Aprile 26, 2016 - 07:45

Juve campione, da Acciughina a ‘squalo’: Allegri pigliatutto

Allegri in Fiorentina v Juventus - Italian Serie A - Artemio Franchi stadium, Florence, Italy - 24/04/16

 Due scudetti, una Coppa Italia, una Supercoppa Italiana, una finale di Champions League e una finale di Coppa Italia ancora da disputare: in soli due anni alla guida della Juve Massimiliano Allegri, non solo ha proseguito nel solco di vittorie iniziato con Antonio Conte ma ha reso la squadra bianconera una macchina quasi perfetta. Con il suo fare bonario, la battuta sempre pronta, il tecnico livornese inoltre risulta essere anche ‘simpatico’ il che non guasta.

 

Se la Juve contiana era furore agonistico, frenesia, schemi provati e riprovati in allenamento, le capacità tecniche dei singoli al servizio del gioco. Quella di Allegri è solidità difensiva, sicurezza nei propri mezzi e fantasia al potere grazie alla crescita di giovani campioni come Pogba e Dybala. Il gioco della Juve, soprattutto nelle sue migliori esibizioni anche in Europa, è più divertente e piacevole, ma legato maggiormente alla forma dei singoli campioni. Non a caso l’inizio ad handicap di questa stagione è stato dovuto all’arrivo di dieci nuovi giocatori, alcuni giovanissimi, da inserire e da una serie di infortuni che hanno ridotto all’osso la rosa. 

 

Una volta inseriti i nuovi, non solo sotto l’aspetto tecnico ma soprattutto mentale e di personalità, recuperato l’asse portante del centrocampo con Marchisio e Khedira al fianco di Pogba, è iniziata una cavalcata straordinaria fatta di 24 vittorie in 25 partite, 73 punti conquistati su 75 disponibili. Una Juve ‘cannibale’ che ha lasciato solo le briciole agli avversari e che ha realizzato un’impresa che mancava da 80 anni: vincere 5 scudetti consecutivi. 

 

Viene spesso definito un tecnico ‘aziendalista’, definizione di cui lui va fiero perché “alla fine l’importante è portare a casa i risultati”. E nel suo caso non stiamo parlando solo di vittorie: sotto la sua gestione Pogba (lanciato da Conte) sta diventando un giocatore da Pallone d’Oro. Dybala, da giovane promessa arrivato da Palermo fra mille aspettative, in pochi mesi è diventato Sivori dei tempi moderni e ha fatto dimenticare un certo Tevez, Morata a soli 22 anni ha trascinato la squadra in finale di Champions lo scorso anno e in questa stagione ha segnato forse il ‘gol scudetto’ nonostante un impiego a singhiozzo. Alex Sandro e Rugani da prospetti sono ormai dei punti fermi del presente e soprattutto del futuro. Questo vuol dire saper valorizzare quello che la società ti mette a disposizione, far diventare oro tutto ciò che luccica. 

 

In settimana per Allegri arriverà un rinnovo del contratto quanto mai meritato con l’obiettivo per il prossimo anno di costruire una squadra ancora più forte e in grado di primeggiare in Europa. Ma un altro obiettivo per il tecnico livornese potrebbe essere quello di vincere anche lui tre scudetti consecutivi, ‘cancellare’ definitivamente Conte nel cuore dei tifosi bianconeri, ed entrare di diritto nella leggenda. 

Pubblicato da 
Venerdì, Giugno 1, 2018 - 21:30

Diritti Tv, Mediapro pronta a far causa ma Lega A va avanti su trattative

 La Lega Serie A e Mediapro rischiano di finire in tribunale, dopo che il gruppo spagnolo ha 'minacciato' azioni legali se entro tre giorni non verrà ritirata la rescissione del contratto relativo all'assegnazione dei diritti tv del campionato di Serie A per il triennio 2018/2021. Nel corso dell'ultima assemblea di Lega, infatti, i presidenti di Serie A hanno votato all'unanimità la rottura del contratto con Mediapro, vista la mancata presentazione della fideiussione di 1.2 miliardi con cui gli spagnoli si erano aggiudicati il bando da intermediario.

Pubblicato da 
Mercoledì, Maggio 23, 2018 - 09:15

Calcio, Lega Serie A ancora spaccata su diritti tv. Brunelli ad pro tempore

La Lega Serie A è sempre più spaccata sulla vicenda dei diritti tv del campionato di Serie A per il triennio 2018/2021, mentre ha fatto piccoli passi avanti verso il completamento della governance con la nomina di Marco Brunelli come ad pro tempore e Maurizio Casasco come consigliere indipendente.

Pubblicato da 
Martedì, Maggio 22, 2018 - 09:30

Lega A, giorno giudizio su diritti tv e governance. Lega B: No a seconde squadre

Martedì sarà il giorno della verità in Lega Serie A sia per quanto riguarda la governance, che soprattutto per gli scenari legati ai diritti tv del campionato. O almeno è quello che tutti sperano, a partire dai presidenti dei club per arrivare ai tifosi che ad oggi non sanno ancora se e dove potranno guardare le partite in tv del prossimo campionato.

Pubblicato da 
Sabato, Maggio 5, 2018 - 09:30

Diritti Tv, entro mercoledì decisione su caso Sky-MediaPro. Ansia Malagò

Arriverà a breve, tra lunedì e mercoledì prossimo, la decisione del Tribunale di Milano sulla conferma (con o senza modifiche) o sulla revoca del provvedimento di sospensione d'urgenza, ottenuto da Sky il 16 aprile, del bando con il quale Mediapro ha messo in vendita i diritti tv della Serie A per il triennio 2018-2021. É questo lo scenario che è emerso dopo due ore di udienza, durante le quali le parti hanno discusso "animatamente", davanti al presidente della sezione per le imprese Claudio Marangoni.

Pubblicato da 
Venerdì, Aprile 27, 2018 - 09:45

Diritti tv, Mediapro attacca Sky e rilancia su canale Lega

Mediapro prende tempo. E attacca nuovamente Sky nella battaglia per i diritti televisivi del pallone 'made in Italy' il cui epilogo appare ancora lontano.

Pubblicato da