Martedì 10 Luglio 2018 - 20:00

Juve, CR7 il colpo (più) grosso della storia ma va capitalizzato

Ad Agnelli va fatta la riverenza: per l'idea, il coraggio, la determinazione con le quali ha reso possibile ciò che fino a un paio di settimane fa sembrava impossibile

FBL-WC-2018-ITA-JUVENTUS-RONALDO

Se sarà davvero un affare (tecnico, commerciale, sociale, eccetera eccetera) lo stabilirà la storia, come sempre. Cioè i risultati che Cristiano Ronaldo riuscirà a ottenere con e per la Juventus nelle prossime quattro stagioni.

Per adesso si possono certificare senza tema di smentita la dimensione elefantiaca del colpo realizzato dalla società bianconera, con a capo il presidente Andrea Agnelli e subito dopo il vicepresidente Pavel Nedved e il diesse Fabio Paratici; la portata economica della più ingente operazione mai realizzata da un club italiano; l'impatto mediatico sulla serie A, i cui diritti televisivi con CR7 avrebbero avuto un'impennata inestimabile di valore; infine la fibrillazione dell'intero mondo juventino che stenta a credere a ciò che invece sta accadendo. Anzi, è accaduto.

È un'estate indimenticabile, in effetti. Perché Ronaldo, il giocatore più forte del mondo assieme a Leo Messi, sposta: il conto economico e la valenza tecnica di una squadra già fortissima. Nel primo caso, la Juventus dovrà compensare l'esborso superiore ai 300 milioni di euro - tra cartellino e ingaggio - non solo attraverso la vendita delle magliette (per le quali esiste un mercato parallelo non ufficiale a quanto pare non gestibile) ma anche con altre iniziative di marketing legate al brand CR7. Nel secondo caso, sarà compito di Massimiliano Allegri trovare la collocazione migliore per il fuoriclasse portoghese al quale, crediamo, non verrà fatta fare troppa sala d'attesa come è successo invece a Dybala, Higuain e Douglas Costa.

Sistemare in campo Ronaldo non è proprio un esercizio complicato, semmai sarà difficile armonizzare la sua presenza con il resto della truppa. Ora è scontato, però, che all'allenatore livornese tutti chiedano l'ottavo scudetto e la Champions League. Con CR7 osare è possibile e sognare (quasi) un dovere aziendale. A questo punto sappiamo pure perché Allegri ha detto no a Florentino Perez per raccogliere l'eredità di Zinedine Zidane e perché ha più fiducia nella conquista della Champions League: la Juventus ha sfilato al Real Madrid il giocatore che di solito le sfilava il trofeo continentale, o con una rovesciata o con un rigore.

Non resta che celebrare il battesimo bianconero del Cristiano più famoso del mondo e cominciare una lunga, stordente stagione di passione per cuori forti. Ad Agnelli va fatta la riverenza: per l'idea, il coraggio, la determinazione con le quali ha reso possibile ciò che fino a un paio di settimane fa sembrava impossibile.
 

Scritto da 
  • Vittorio Oreggia
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Cristiano Ronaldo ad un evento promozionale a Pechino

Ronaldo fuoriclasse generoso, mancia record in Grecia: 20mila euro ai camierieri del resort

È quanto rivela il Sun. Il campione è rimasto talmente impressionato dal servizio ricevuto che non poteva andarsene senza un ringraziamento speciale

Cristiano Ronaldo esce per salutare

Juve, il giro del mondo di Ronaldo non passerà dagli Stati Uniti

Non andrà in America con la squadra ma dal 30 luglio sarà a disposizione. Ora è già partito per un tour promozionale della Nike in Cina

Ronaldo con la famiglia allo stadio: subito maglia della Juve per Cristiano Jr.

I primi scatti della nuova vita bianconera postati su Twitter

Juventus - Crotone

Fabio Paratici, l'uomo che ha portato CR7 alla Juventus: "Idea folle nata dopo rovesciata allo Stadium"

Un colpo straordinario quello del dirigente, che la Juve ha 'blindato' con un rinnovo triennale per 'sottrarlo' alla tentazione delle tante offerte ricevute da mezza Serie A