Giovedì 18 Maggio 2017 - 18:45

Juve, Marchisio: Reazione in Coppa Italia, ora altre due finali

"Dobbiamo giocare con la massima concentrazione perché non si può più sbagliare"

Juve, Marchisio: Reazione in Coppa Italia, ora altre due finali

"Dopo le brutte sconfitte ci sono sempre state grandi reazioni. Abbiamo subito risposto bene portando a casa la Coppa Italia". Così Claudio Marchisio, centrocampista della Juventus, nel corso di una intervista concessa ai microfoni di Sky Sport all'indomani del successo in Coppa Italia contro la Lazio. "Ora abbiamo altre due finali da giocare con la massima concentrazione perché non si può più sbagliare", ha aggiunto il numero 8 bianconero.

"Ci siamo parlati dopo la partita di domenica contro la Roma. Bisogna essere bravi a ripartire, avere grande esperienza, e questa rosa ce l'ha. Quella di domenica non era la stessa Juve di ieri sera, ma credo sia abbastanza normale, in un periodo così intenso - tra semifinale di Champions e partite di campionato - per fortuna quella partita è stata forse l'unica che è andata così. E' vero che potevamo vincere il campionato, ma diciamo che ci può stare... Ora, però, basta", ha dichiarato ancora Marchisio. "Quello che dobbiamo fare è guardare indietro, dall'inizio dell'anno, a tutto il lavoro che abbiamo fatto ed alla crescita dei singoli e della squadra", ha detto ancora il numero 8 bianconero.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

FBL-ITA-SERIEA-TORINO-JUVENTUS

Higuain infortunato ringrazia i fan e assicura: "Tornerò presto"

Distorsione alla caviglia per il 'Pipita', ma Allegri non si preoccupa: "Non è niente di grave"

Torino vs Juventus

Toro-Juventus 0-1, le pagelle: Bernardeschi top, Belotti flop

I voti ai giocatori in campo. Bene Chiellini, male Falque

Torino vs Juventus

Il Derby è ancora della Juve: Alex Sandro 'mata' il Toro

Ai bianconeri basta un gol per vincere il terzo derby in questa stagione

FBL-ITA-SERIEA-FIORENTINA-JUVENTUS

Juve, Allegri: "Derby snodo fondamentale. Champions non sia un'ossessione"

Tra nuovi e vecchi acciaccati, la formazione è ancora una volta fortemente condizionata