Lunedì 15 Maggio 2017 - 19:45

Juve, Neto: Contro Lazio grande sfida, vogliamo vincere la Coppa

Il portiere bianconero ha presentato la sfida dell'Olimpico

Juve, Neto: Contro Lazio grande sfida, vogliamo vincere la Coppa

"Sarà sicuramente una grande sfida, con molte difficoltà: si tratta di una Finale, loro hanno giocatori importanti e faranno di tutto per metterci in difficoltà e conquistare la Coppa. Però il nostro obiettivo è arrivare in fondo e portare la vittoria a casa, siamo davvero concentrati e speriamo di poter mettere in pratica tutto ciò che stiamo facendo in questa stagione e portare la Coppa Italia a casa". Così Neto Murara, portiere di Coppa della Juventus, ha presentato oggi la sfida dell'Olimpico ai microfoni di Rai Sport. Una Juve ancora in corsa per tutti gli obiettivi, fra cui la vittoria in Coppa Italia per la terza volta di fila come mai nessuno è riuscito a fare. "Credo che allora sia giunto il momento di 'infrangere questa barriera'. Il nostro obiettivo è vincere la Coppa Italia, così come negli anni precedenti. Concentriamoci innanzitutto su questa partita, poi penseremo ai restanti obiettivi", ha spiegato il portiere brasiliano. Infine Neto ha spiegato cosa si prova ad allenarsi con Gigi Buffon: "E' importante fare parte di un gruppo come questo, con giocatori che hanno l'esperienza di Buffon. Lui ha avuto una grandissima carriera e poter lavorare insieme ad un giocatore col suo curriculum è importante, ci fa crescere e ci fa pensare di poter arrivare lontano come ha fatto lui".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Juventus vs. Genoa - Tim Cup 2017 2018

Juve, Allegri avverte dopo la sosta: "Con Genoa ci sarà da soffrire"

Il mister bianconero: la prima partita dopo lo stop è sempre delicata

Sampdoria - Spal

Juve, Emre Can sempre più vicino. Piace Praet della Samp

Difficile, però, che il tedesco del Liverpool arrivi subito. Sondaggi per Cristante e Pellegrini

Cori razzisti a Matuidi: nessuna sanzione per il Cagliari

Il giudice sportivo: "Le espressioni non sono state percepite dal direttore di gara né dai collaboratori"