Mercoledì 19 Aprile 2017 - 09:30

L'11,9% delle famiglie italiane è in grave difficoltà economica

Secondo l'Istat "la ripresa economica e del mercato del lavoro non sta riducendo alcuni sintomi di disagio"

L'11,9% delle famiglie italiane è in grave difficoltà economica: allarme per gli anziani

L'11,9% delle famiglie italiane nel 2016 si è trovata nelle condizioni di "grave deprivazione materiale". A dirlo Roberto Monducci dell'Istat, in audizione sul Def davanti alle commissioni Bilancio di Camera e Senato. "Tra il 2015 e il 2016 l'indice peggiora per le persone anziane (65 anni e più) - continua - da 8,4% a 11% e per chi vive in famiglie con persona di riferimento in cerca di occupazione (da 32,1% a 35,8%)".

Secondo l'Istat, "nonostante il miglioramento delle condizioni economiche delle famiglie, nel 2016 non si è osservata una riduzione dell'indicatore di grave deprivazione materiale, corrispondente alla quota di persone in famiglie che sperimentano sintomi di disagio". Quindi "la ripresa economica e del mercato del lavoro non sta riducendo alcuni sintomi di disagio".

"I dati - ha aggiunto Monducci- confermano dunque l'urgenza degli interventi previsti dal governo per il contrasto alla povertà".

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Brussels, riunione ministri delle finanze EU

Giovani, crescita, meno tasse: ricetta Padoan per bilancio 2018

Il ministro dell'Economia spiega i punti principali della norma per l'anno 2018

Unicredit bank logo is seen in the old city centre of Siena

Attacco hacker contro Unicredit, password clienti non a rischio

Una prima violazione sembra essere avvenuta nei mesi di settembre e ottobre 2016, mentre è stata appena individuata una seconda intrusione avvenuta nei mesi di giugno e luglio 2017

Stragi mafiose negli anni '90, arrestati due vertici di 'Ndrangheta e Cosa nostra

Stragi anni '90, arrestati due boss di 'Ndrangheta e Cosa nostra

Sono tra i mandanti degli attentati contro i carabinieri del '93-'94 in Calabria. Clan e cosche insieme per attaccare lo Stato