Giovedì 17 Maggio 2018 - 11:45

Buffon lascia Juve e Nazionale, ma prende tempo sul futuro: "Proposte stimolanti"

Sabato contro il Verona l'ultima partita con i bianconeri

TOPSHOT-FBL-EUR-C1-REALMADRID-JUVENTUS

Un addio alla Nazionale e alla Juventus, almeno con i guantoni e la fascia di capitano addosso, ma non al calcio. Forse. Gigi Buffon abbasserà per l'ultima volta la saracinesca della porta bianconera che per tanti anni ha difeso sabato nella partita casalinga contro l'Hellas Verona, in un match che assumerà i contorni della festa per celebrare il settimo scudetto consecutivo della Vecchia Signora ma anche il saluto definitivo, almeno sul campo, tra il campione di Carrara e i suoi tifosi. Un addio programmato da tempo - Szczesny difenderà i pali nella prossima stagione dopo un anno da 'scudiero' - ma non per questo meno emozionante. Non potrebbe essere altrimenti d'altra parte per un portiere che ha fatto la storia del calcio italiano oltre che della sua squadra di club negli ultimi vent'anni. Ed è per questo che la voce di 'Supergigi' è spezzata e visibilmente commossa, dopo l'introduzione di Andrea Agnelli fatta di numeri e sentimenti, di record e ringraziamenti, al momento di fare il tanto atteso annuncio.

"Sabato sarà la ultima partita con la Juventus, credo sia il modo migliore per finire questa grandissima avventura, con altre due vittorie secondo me importanti", ha esordito Buffon nella conferenza stampa convocata all'Allianz Stadium, alla quale ha presenziato tutto lo stato maggiore del club bianconero, da Paratici a Marotta fino a Nedved, compreso Giorgio Chiellini, colui che dal prossimo anno raccoglierà il testimone di Buffon come capitano e come uomo simbolo della Juve. "La mia paura era quella di arrivare alla fine della mia avventura  da sopportato o da giocatore che aveva fuso il motore - ha proseguito il capitano bianconero - Posso dire che non è così e sono veramente orgoglioso di aver potuto esprimere fino a 40 anni non dico il mio meglio, ma di aver espresso sempre delle prestazioni all'altezza del mio nome e della Juventus. Questa è la più grande gratificazione, per questo arrivo a questo saluto davvero felice e sereno, non è scontato per uno sportivo".
 

 

Loading the player...

Buffon lascia la Juve dopo 17 stagioni, ma - al momento - non parla apertamente di ritiro. Anzi. "Fino a 15 giorni fa era risaputo che avrei smesso di giocare, adesso sono arrivate delle proposte e delle sfide stimolanti sia in campo che fuori dal campo", ha rivelato l'estremo difensore 40enne, che ha precisato tuttavia come "la più importante fuori dal campo" sia arrivata da Andrea Agnelli. Il desiderio di continuare a giocare però è vivo ed è concreto. E Buffon non lo ignora, con una serie di postille ben precise. "In Italia non se ne parla", ha chiarito smentendo sul nascere le voci di un romantico ritorno al Parma e annunciando che una decisione definitiva verrà presa "la prossima settimana, a bocce ferme e in una situazione emotiva tranquilla". Il portiere bianconero però precisa che l'intenzione non è quella "di finire la carriera in un campionato di terza o quarta fascia perché sono un animale da competizione".

A prescindere dalla scelta sul proprio futuro, può dirsi conclusa invece l'avventura in azzurro di Gigi. Niente 'passerella' quindi il 4 giugno nell'amichevole con l'Olanda in programma proprio a Torino, in quello che per anni è stato il suo stadio. "Non ci sarò, non ho bisogno di altri attestati di stima, di affetto e celebrazioni varie - ha svelato non senza una punta di polemica - Le persone vanno rispettate e onorate e se si pensa che abbiano un valore quando sono vive, non quando sono morte". Chiaro il riferimento alle polemiche scoppiate in occasione della sua ultima convocazione in Nazionale nel marzo scorso. "Se Buffon era diventato un problema tre mesi fa non oso pensare cosa potrebbe esserlo tre mesi dopo, diventerebbe un qualcosa di complicato da gestire, un qualcosa dal quale voglio tenermi veramente lontano", ha precisato l'estremo difensore di Carrara, che lascerà spazio a "grandi e giovani portieri che hanno bisogno di fare le loro esperienze". Con la speranza e il difficile compito di non far rimpiangere 'Supergigi'.

Scritto da 
  • Alberto Zanello
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Roma - Juventus

Juventus, Marotta fa il punto sul mercato: "Higuain e Mandzukic restano. Milinkovic? Costa troppo"

"L'operazione Emre Can si può definire nel giro di 10 giorni", ha dichiarato l'ad bianconero

Juventus vs Milan - Finale Coppa Italia TIM 2017/2018

Calcio, Allegri resta alla Juve ma per ora niente rinnovo

Vertice fra il tecnico e la dirigenza bianconera presso la sede del club alla Continassa

Alla festa degli juventini spunta la bara di Insigne. Napoli: "Gesto grave"

Lo screenshot preso da un live di Douglas Costa: è polemica

Juventus vs Hellas Verona

Juve supera il Verona 2-1 tra festa scudetto e commozione addio Buffon

Tra lacrime e applausi, tra commozione e gioia, ora la festa bianconera può iniziare davvero