Giovedì 20 Aprile 2017 - 14:45

L'appello del padre di Del Grande: Mobilitiamoci per Gabriele

"Non abbiamo paura di fare manifestazioni" per la sua liberazione

L'appello del padre di Del Grande: Mobilitiamoci per Gabriele

"Dico a tutti: Mobilitiamoci! Non abbiamo paura a fare manifestazioni". E' questo l'appello che oggi, con un video pubblicato dall'edizione online de La Nazione, lancia Massimo Del Grande, padre del blogger e documentarista lucchese Gabriele Del Grande, fermato il 9 aprile dalle autorità turche e ancora in stato di fermo nel centro di detenzione amministrativa di Mugla.

"Dopo la telefonata che Gabriele ha fatto due giorni fa alla compagna per chiedere aiuto - ha spiegato Massimo Del Grande -,ci siamo mossi anche noi genitori per dar voce a Gabriele che ha sempre dato voce a chi non ha voce".

Ringraziando "la Farnesina e tutti i politici" che si sono impegnati per chiedere la liberazione di Gabriele, il padre del blogger lucchese invita tutti quelli che sono interessati "a mettersi in contatto con la pagina Facebook 'Io sto con la sposa' dove troverete tutte le notizie ufficiali che riguardano Gabriele e le manifestazioni che vengono organizzate per lui".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Salvini in piazza a Firenze

Firenze, cade pietra basilica Santa Croce: muore turista spagnolo

La vittima, un uomo di 52 anni, era in vacanza con la moglie che ha assistito all'incidente

Un profeta come si deve

Luz contro la violenza sulle donne con il corto 'Un profeta come si deve'

Un dialogo fra Dio e San Pietro sulla situazione del mondo femminile

Brescia, Polizia Stradale e alcol test

Trasporti, oltre 20mila italiani senza punti sulla patente

Secondo l'analisi di Facile.it. A Napoli il maggior numero di automobilisti a 0 punti davanti a Milano e Roma

Folla per i test di ammissione a medicina all'Università Statale davanti al Forum di Assago

Grammatica questa sconosciuta: 'bocciati' 7 italiani su 10

Solo gli analfabeti funzionali raggiungono il 28%, uno dei tassi più alti in Europa