Giovedì 20 Aprile 2017 - 14:45

L'appello del padre di Del Grande: Mobilitiamoci per Gabriele

"Non abbiamo paura di fare manifestazioni" per la sua liberazione

L'appello del padre di Del Grande: Mobilitiamoci per Gabriele

"Dico a tutti: Mobilitiamoci! Non abbiamo paura a fare manifestazioni". E' questo l'appello che oggi, con un video pubblicato dall'edizione online de La Nazione, lancia Massimo Del Grande, padre del blogger e documentarista lucchese Gabriele Del Grande, fermato il 9 aprile dalle autorità turche e ancora in stato di fermo nel centro di detenzione amministrativa di Mugla.

"Dopo la telefonata che Gabriele ha fatto due giorni fa alla compagna per chiedere aiuto - ha spiegato Massimo Del Grande -,ci siamo mossi anche noi genitori per dar voce a Gabriele che ha sempre dato voce a chi non ha voce".

Ringraziando "la Farnesina e tutti i politici" che si sono impegnati per chiedere la liberazione di Gabriele, il padre del blogger lucchese invita tutti quelli che sono interessati "a mettersi in contatto con la pagina Facebook 'Io sto con la sposa' dove troverete tutte le notizie ufficiali che riguardano Gabriele e le manifestazioni che vengono organizzate per lui".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Da operaio a rubagalline fino a diventare un killer: ecco chi è 'Igor'

L'ex soldato è arrivato in Italia nel 2005, prima lavora poi inizia a delinquere

Roma,Movimenti per la Casa contro lo spettacolo di Beppe Grillo al Teatro Flaiano

Coniugi uccisi a Viterbo: fermato il figlio a Ventimiglia

I corpi delle vittime erano stati trovati avvolti nel cellophane dall'altra figlia della coppia

Arrestato Igor, l'assassino spietato di Budrio: era in Spagna

Era ricercato da mesi. Fermato dopo un conflitto a fuoco in cui ha ucciso tre persone

Roma, l'albero di Natale addobbato a piazza Venezia

Natale, 4 italiani su 10 spendono la tredicesima in shopping

Dall'indagine Coldiretti/Ixè quest'anno in media la spesa complessiva per i regali sarà di 528 euro a famiglia. Sotto l'albero anche la cultura tra gite, libri e teatro