Giovedì 20 Aprile 2017 - 14:45

L'appello del padre di Del Grande: Mobilitiamoci per Gabriele

"Non abbiamo paura di fare manifestazioni" per la sua liberazione

L'appello del padre di Del Grande: Mobilitiamoci per Gabriele

"Dico a tutti: Mobilitiamoci! Non abbiamo paura a fare manifestazioni". E' questo l'appello che oggi, con un video pubblicato dall'edizione online de La Nazione, lancia Massimo Del Grande, padre del blogger e documentarista lucchese Gabriele Del Grande, fermato il 9 aprile dalle autorità turche e ancora in stato di fermo nel centro di detenzione amministrativa di Mugla.

"Dopo la telefonata che Gabriele ha fatto due giorni fa alla compagna per chiedere aiuto - ha spiegato Massimo Del Grande -,ci siamo mossi anche noi genitori per dar voce a Gabriele che ha sempre dato voce a chi non ha voce".

Ringraziando "la Farnesina e tutti i politici" che si sono impegnati per chiedere la liberazione di Gabriele, il padre del blogger lucchese invita tutti quelli che sono interessati "a mettersi in contatto con la pagina Facebook 'Io sto con la sposa' dove troverete tutte le notizie ufficiali che riguardano Gabriele e le manifestazioni che vengono organizzate per lui".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Finte vaccinazioni, avviata inchiesta in Friuli su 6mila casi

Finte vaccinazioni, avviata inchiesta in Friuli su 6mila casi

L'operatrice sanitaria di Treviso aveva lavorato nel friulano

Esercitazioni di soldati turchi a meno 30 gradi

Morti due alpinisti sul Gran Sasso, salvo un terzo

Sul posto sono al lavoro due squadre del soccorso alpino e speleologico per il recupero dei corpi

GER, Einkaufszentrum nach Terrorbedrohung gesperrt

Svizzera, italiano ucciso a Sargans: un altro si costituisce

La sparatoria ieri sera nel canton San Gallo

Contestazione centri sociali contro decreti Minniti-Orlando a Sesto San GIovanni

Roma blindata per il derby: ecco il piano sicurezza e traffico

La viabilità sul lungotevere sarà preservata per contenere i disagi ai residenti, mentre ponte Duca d'Asta resterà pedonalizzato come area di afflusso