Martedì 14 Novembre 2017 - 13:00

L'Onu contro la politica europea sui migranti: "Disumano rimandarli in Libia"

L'Alto Commissario Zeid Ra'ad Al Hussein prende posizione sui centri di detenzione: "Offesa alla coscienza dell'umanità"

Libia, migliaia di migranti al Centro di detenzione di Sabratha

La politica dell'Unione europea di assistere la guardia costiera libica per intercettare nel Mediterraneo e riportare indietro i migranti è disumana. È quanto afferma l'Alto commissario delle Nazioni unite per i diritti umani, Zeid Ra'ad Al Hussein, esprimendo sgomento per l'aumento del numero di migranti trattenuti in condizioni orribili nei centri di detenzione in Libia. "La sofferenza dei migranti in detenzione in Libia è un'offesa alla coscienza dell'umanità", ha dichiarato il responsabile Onu per i diritti umani, aggiungendo che "quella che era già una situazione disperata è diventata adesso catastrofica". Zeid Ra'ad Al Hussein parla inoltre di "orrori inimmaginabili sopportati dai migranti in Libia".

Il tema è stato sollevato da diverse organizzazioni umanitarie dopo le restrizioni sull'intervento per salvare i migranti in mare. Le partenze dalle coste libiche sono drasticamente diminuite, ma il flusso dai paesi dell'Africa centrale è proseguito. Risultato: i centri di detenzione libici sono sempre più affollati e lì il livello di vita è subumano e la violenza (stupri, pestaggi, omicidi) inimmaginabile.

Loading the player...
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Bergamo, La Coop Sul Serio batte la crisi: quando i lavoratori salvano le aziende dal fallimento

Onu: "Le donne guadagnano il 23% meno degli uomini. È il più grande furto della storia"

Il dato emerge dalla campagna #StopTheRobbery ed è specchio di una situazione diffusa in tutto il mondo

Sami Anan

Egitto, ex capo di stato maggiore Sami Anan si candida a presidenziali

Sfiderà l'attuale presidente Abdel Fattah al-Sisi

Usa, un anno di Trump: tra scandali e promesse mantenute

Al termine del primo anno di governo l'immagine del presidente degli Stati Uniti nel mondo è peggiore di quanto non sia mai stata quella dei suoi due predecessori

Papa Francesco a Puerto Maldonado per abbracciare gli indigeni

Il Papa contro la cultura machista: "Donne schiave di violenza senza fine"

Nell'incontro con gli indigeni del Perù Bergoglio denuncia una situazione non più tollerabile