Giovedì 20 Aprile 2017 - 14:30

Tribunale Ivrea: Uso improprio del cellulare causa tumore al cervello

L'Inail è stata condannata dal tribunale a pagare un'indennità alla vittima, colpita dal cancro nel 2010

L'uso improprio del cellulare causa tumore al cervello: a Ivrea una sentenza storica

"Per la prima volta una sentenza riconosce il nesso di causa tra l'uso improprio del cellulare e il tumore al cervello. Ora crediamo sia necessario riflettere su questo problema e adottare le giuste contromisure. Anche a livello politico e legislativo". Lo hanno dichiarato gli avvocati Renato Ambrosio e Stefano Bertone, dopo la sentenza di primo grado del Ttribunale di Ivrea, del 30 marzo, che ha riconosciuto la correlazione tra il prolungato e improprio utilizzo del telefono cellulare e la comparsa di un tumore al cervello.

I due legali rappresentavano un dipendente di una grande azienda di telefonia che per 15 anni ha utilizzato per circa 3-4 ore al giorno il cellulare: nel 2010 l'uomo è stato colpito da un tumore al cervello.

Nella sentenza di marzo il tribunale di Ivrea ha condannando l'Inail al pagamento di un'indennità di circa 500 euro al mese per tutta la vita della vittima.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Terremoto, Trudeau vicino al dolore dei cittadini di Amatrice

Terremoto, Trudeau vicino al dolore dei cittadini di Amatrice

Il premier canadese è arrivato in elicottero con la moglie Sophie il ministro dell'Interno Angelino Alfano

Terremoto,  premier canadese Trudeau commosso a Amatrice

Terremoto, premier canadese Trudeau commosso a Amatrice

Il premier e la moglie hanno deposto un mazzo di fiori nella zona rossa

Amatrice, il premier canadese Trudeau nella zona rossa

Terremoto, il premier canadese Justin Trudeau vista la zona rossa di Amatrice

A accoglierlo il sindaco Pirozzi che ha stilato una "lista nera" di chi non lavora a ricostruzione

Napoli, in porto nave con oltre 1400 migranti a bordo

Napoli, in porto nave con oltre 1400 migranti a bordo

I profughi erano a bordo della nave Prudence di Medici Senza Frontiere