Giovedì 20 Aprile 2017 - 14:30

Tribunale Ivrea: Uso improprio del cellulare causa tumore al cervello

L'Inail è stata condannata dal tribunale a pagare un'indennità alla vittima, colpita dal cancro nel 2010

L'uso improprio del cellulare causa tumore al cervello: a Ivrea una sentenza storica

"Per la prima volta una sentenza riconosce il nesso di causa tra l'uso improprio del cellulare e il tumore al cervello. Ora crediamo sia necessario riflettere su questo problema e adottare le giuste contromisure. Anche a livello politico e legislativo". Lo hanno dichiarato gli avvocati Renato Ambrosio e Stefano Bertone, dopo la sentenza di primo grado del Ttribunale di Ivrea, del 30 marzo, che ha riconosciuto la correlazione tra il prolungato e improprio utilizzo del telefono cellulare e la comparsa di un tumore al cervello.

I due legali rappresentavano un dipendente di una grande azienda di telefonia che per 15 anni ha utilizzato per circa 3-4 ore al giorno il cellulare: nel 2010 l'uomo è stato colpito da un tumore al cervello.

Nella sentenza di marzo il tribunale di Ivrea ha condannando l'Inail al pagamento di un'indennità di circa 500 euro al mese per tutta la vita della vittima.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Incendio nella pineta di Castel Fusano, vicino Ostia

Incendi, quasi quattrocento interventi dei Vigili del Fuoco

Continua l'attività dei pompieri in tutto il Paese. Roghi in provincia di Grosseto e Arezzo

An injured tourist arrives from the Greek island of Kos by boat after an earthquake to the Turkish resort town of Bodrum

Codacons: le agenzie devono rifondere le vacanze a Kos

Dopo il terremoto ci sarebbero stati dei casi di rifiuti. L'associazione dei consumatori ricorda le sentenze in materia

uomo che si lava le mani

Vademecum Aidaa: come risparmiare 20 litri d'acqua al giorno

Bastano buon senso e attenzione per alleggerire la bolletta e risparmiare acqua in questo periodo di emergenza

La Vendemmia Verde

Italia senz'acqua: ulivi, frutta, cereali e uva in sofferenza. Danni per oltre due miliardi

La denuncia della Coldiretti. È una delle estati più calde e siccitose da oltre 200 anni. Agricoltura in crisi