Mercoledì 09 Agosto 2017 - 22:00

La Juve ha deciso: "La maglia numero 10 a Dybala"

La Joya avrà la maglia di Baggio, Sivori e Del Piero

La Juve ha deciso: "La maglia numero 10 a Dybala"

La Juventus ha deciso: sarà Paulo Dybala a indossare dalla prossima stagione la prestigiosa maglia numero 10. Il club bianconero lo ha annunciato con un comunicato sul sito. "È stata la maglia, tra gli altri, di Omar Sivori, di Michel Platini, di Roberto Baggio e di Alex Del Piero: ora, la numero 10, è di Paulo Dybala", si legge, "La Joya, dal giorno del suo arrivo nel 2015, in queste due prime stagioni ha fatto letteralmente innamorare i tifosi bianconeri, con giocate sopraffine e 42 reti in 94 presenze, una più bella dell'altra. Dall'esordio, subito in rete, la notte della Supercoppa di Shanghai, l'8 agosto del 2015 contro la Lazio, passando per capolavori come il mancino di controbalzo contro il Milan il 21 novembre 2015, o il colpo da biliardo contro la Roma del 24 gennaio 2016, o ancora la punizione capolavoro contro il Palermo, lo scorso 17 febbraio, o la geniale doppietta al Barcellona, nella gara di andata dei quarti di Champions dello scorso 11 aprile". "Un talento purissimo, protagonista ideale della maglia più ambita, quella dei fuoriclasse. Proprio come Paulo. Proprio come il nostro nuovo numero 10", conclude il comunicato.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

FBL-ITA-SERIEA-TORINO-JUVENTUS

Higuain infortunato ringrazia i fan e assicura: "Tornerò presto"

Distorsione alla caviglia per il 'Pipita', ma Allegri non si preoccupa: "Non è niente di grave"

Torino vs Juventus

Toro-Juventus 0-1, le pagelle: Bernardeschi top, Belotti flop

I voti ai giocatori in campo. Bene Chiellini, male Falque

Torino vs Juventus

Il Derby è ancora della Juve: Alex Sandro 'mata' il Toro

Ai bianconeri basta un gol per vincere il terzo derby in questa stagione

FBL-ITA-SERIEA-FIORENTINA-JUVENTUS

Juve, Allegri: "Derby snodo fondamentale. Champions non sia un'ossessione"

Tra nuovi e vecchi acciaccati, la formazione è ancora una volta fortemente condizionata