Venerdì 21 Aprile 2017 - 10:00

La Nazionale Cantanti sfida quella dei magistrati per dire 'No alla Mafia'

In campo questa mattina alle 11.30 a San Luca (Reggio Calabria)

La Nazionale Cantanti sfida quella dei magistrati per dire 'No alla Mafia'

 "Proprio in questi giorni, dopo l'annuncio di questo evento, un amico che si è trovato, suo malgrado a dover lasciare la sua amata Calabria, mi ha spedito questa lettera che ho condiviso immediatamente con i miei compagni di squadra. Mi ha fatto molto riflettere e mi ha lasciato un silenzio assordante. Voglio riportarla in modo integrale, perché grazie a questa sua testimonianza vogliamo urlare insieme a tutti 'No alla Mafia'". Così Paolo Belli, presidente della Nazionale Italiana Cantanti, presenta la partita che si terrà questa mattina alle 11.30 a San Luca (Rc) contro la Nazionale Magistrati che avrà l'obiettivo proprio della lotta a tutte le mafie.

Il cantante allega poi la lettera dell'amico, in cui si legge: "Dolore angoscia disperazione incertezza e paura... questi sono i sentimenti che ho provato nel sapere che avrei dovuto lasciare la mia terra con la consapevolezza di non poterla rivedere più e con la certezza di non averne colpa io sono una conseguenza di ciò che è stato attorno a me. La Calabria terra di sole di amore di amicizia bellezza assoluta nessun posto potrà mai sostituirla lei ti scorre nelle vene, non esiste macchina scarpe o soldi che valgano questa rinuncia mai, per non parlare poi della famiglia il cuore va in pezzi ogni giorno quando ti svegli in questa nuova realtà che non è la tua circondato da brave persone sì ma... che non sono quelle con cui sei cresciuto che ti capiscono al solo guardarti negli occhi che ti vogliono bene e tu lo sai. Non sbagliate ragazzi il crimine non ripaga mai porta solo dolore su dolore per voi e le vostre famiglie. Non esiste sensazione migliore di quella che si ha andando a letto con la coscienza pulita anche lottando per arrivare a fine mese ma sapendo che tua moglie tua madre tua figlia sono orgogliose di te. Come ho già detto io sono incolpevole ed è questa l'unica cosa che mi permette di andare avanti e di guardarmi allo specchio. Spero che un giorno io possa sentire parlare delle eccellenze della mia terra che sono tante e non più solo di Ndrangheta... siate orgogliosi di essere calabresi portate avanti i nostri tesori risollevatevi ne avete la capacità lottate per lei rendete la vostra vita piena, noi che siamo lontani confidiamo in voi".

Intanto, la Nazionale cantanti si prepara per un altro importante appuntamento: la Partita del Cuore, che si svolgerà a Torino martedì 30 maggio alle 20 contro i Campioni per la Ricerca. Sono aperte le prevendite per i biglietti nelle ricevitorie della rete Listicket, sul sito internet www.listicket.com e tramite call center al numero 892.101. La raccolta fondi della Partita del Cuore 2017 servirà a   sostenere la ricerca e donare speranze concrete a favore della Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro Onlus e di Fondazione Telethon.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Trattativa Stato-mafia, dopo 5 anni di processo arriva la sentenza

Stato-mafia, M5S: "Giornata storica". Berlusconi e Fi pronti a querelare pm

Una sentenza che fa discutere e che rende ancora più aspri i toni dello scontro politico

E' morto il deejay svedese Avicii

Morto a 28 anni il dj Avicii, talento della musica elettronica

Era fra i dj più pagati al mondo. In passato aveva avuto problemi legati all'abuso di alcol

Papa Francesco in visita ad Alessano

Il Papa sulla tomba di don Tonino, profeta di speranza: "Liberatevi dal potere"

A 25 anni dalla morte del 'vescovo scomodo', l'omaggio di Bergoglio in Puglia

Trattativa Stato-mafia, dopo 5 anni di processo arriva la sentenza

Trattativa Stato-mafia, condannati Dell'Utri, Subranni e Mori. Assolto Mancino

La sentenza: 28 anni al boss Bagarella, 12 all'ex braccio destro di Berlusconi e agli ex Ros