Mercoledì 12 Luglio 2017 - 13:15

La7, Cairo ci pensa: Diritti tv calcio? Mai dire mai

"Ci sarà un secondo bando. Perché no? Non è una cosa da escludere se ci sono ritorni"

Presentazione palinsesti La7

Urbano Cairo non esclude una eventuale partecipazione di La7 all'asta per i diritti tv del calcio. "Mai dire mai", dice durante presentazione dei palinsesti a Milano. "L'asta c'è stata ma non ha avuto il successo che consentiva di chiudere e assegnare i diritti. Ci sarà un secondo bando. Vediamo. Perché no? Non è una cosa da escludere se ci sono ritorni".

Sempre sul fronte sportivo, Cairo dice la sua su Toro Channel, il canale tematico dedicato al Torino. "Sta andando bene, è partito a febbraio e ha avuto 5 mesi totalmente in chiaro e gratis. Ora è partita l'offerta a pagamento su Sky. E' molto piaciuto, ha avuto ascolti molto importanti. Direi che ha funzionato bene. È vivace e ricco di trasmissioni. Vediamo come andrà la campagna di abbonamento, ma credo sia una bella iniziativa che piace ai tifosi del Toro. Spero si abboneranno in tanti".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

FIGC, consiglio federale dopo l'eliminiazione dell'Italia ai prossimi mondiali di Russia

Calcio, Tavecchio verso le dimissioni. Lunedì 'D-day' in Figc

Il numero uno del calcio italiano potrebbe lasciare l'incarico dopo l'eliminazione della Nazionale dai prossimi mondiali

Nazionale, Ancelotti dice no alla panchina. Il procuratore: "Non è interessato"

Tavecchio in un'intervista alle 'Iene': "La debacle è tecnica, non dormo da quattro giorni"

(SP)ITALY-MILAN-FOOTBALL-FIFA WORLD CUP QUALIFIER-ITALY VS SWEDEN

Nazionale, Ventura: "Profondo dispiacere, ma le sconfitte non hanno una sola verità"

L'ex ct azzurro parla per la prima volta dopo l'esonero: "Il mio successore riporti l'Italia in alto"

La Nazionale e gli scenari futuri: all'Italia che verrà serve ancora Buffon

Un nuovo capitolo a Coverciano per il portierone? Magari non subito, ma l'ipotesi inizia a farsi strada dopo il caos post Svezia