Lunedì 27 Maggio 2013 - 12:40

Lazio, Fiorito condannato a 3 anni e 4 mesi

IMG

Roma, 27 mag. (LaPresse) - Il Tribunale di Roma ha condannato per peculato Franco Fiorito, ex capogruppo del Pdl alla Regione Lazio, a 3 anni e 4 mesi, e all'interdizione per 5 anni dai pubblici uffici. Batman, accusato di essersi appropriato di oltre un milione di euro dei fondi destinati al partito, è arrivato sorridente davanti all'aula, giungendo puntale alle 10 affiancato dall'avvocato Carlo Taormina. Per i suoi collaboratori Bruno Galassi e Pierluigi Boschi, che hanno chiesto di poter patteggiare la pena, le pene sono state: un anno e 5 mesi a Galassi, e un anno e due mesi a Boschi. Il processo all'ex sindaco di Anagni si e' svolto con il rito abbreviato davanti al gup Rosalba Liso.

 

Il 18 aprile scorso Fiorito aveva raggiunto una intesa con la Corte dei Conti per la restituzione di un milione e 90mila euro. Secondo la Procura, l'ex esponente del Pdl al Consiglio regionale avrebbe dirottato su alcuni conti, in Italia e all'estero, fondi destinati al gruppo del Popolo della Libertà alla Pisana. Secondo Taormina, difensore di Fiorito, il milione di euro che verrà restituito alla casse regionali riguarda i "550mila euro già sbloccati dal gup, 200mila in contanti e il resto da beni immobili dati in garanzia".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Montecitorio, fiaccolata in memoria di Giulio Regeni a due anni dalla sua morte

Regeni, Salvini vola da Al-Sisi: "Giustizia rapida per Giulio"

Il ministro dell'Interno in Egitto: "Il presidente ha assicurato che sarà fatta chiarezza"

Migranti, altri morti e scontro Open Arms-Salvini. Mattarella invoca 'accoglienza'

Una imbarcazione è affondata al largo del nord di Cipro e il bilancio è di almeno 19 morti. Un'altra nave con migranti a bordo bloccata di fronte alla Tunisia

Commissione Vigilanza Rai. Eletto il Presidente Alberto Barachini

Rai, Alberto Barachini: chi è il nuovo presidente della vigilanza

Giornalista, dal 1999 è cresciuto nella squadra Mediaset. Alle ultime elezioni politiche, Silvio Berlusconi lo ha voluto nella squadra dei candidati azzurri

Giustizia, il ministro Bonafede al Csm

Legittima difesa, Bonafede: "No alla liberalizzazione delle armi". M5S frena

Salvini precisa: "No pistole vendute in tabaccheria. Niente modello americano". Il premier Conte: "No alla giustizia privata"