Domenica 14 Gennaio 2018 - 20:15

Lazio, ok patto Zingaretti-LeU, Civica popolare insorge. Tregua Grasso-Boldrini

Il leader di Liberi e Uguali: "Ci sono le condizioni per una svolta a sinistra". I centristi chiedono chiarezza al Pd

Dopo aver ricevuto il mandato a trattare, Pietro Grasso 'chiude' la partita sul Lazio: Liberi e Uguali alle prossime elezioni regionali sosterrà il candidato Pd Nicola Zingaretti. "Ci sono le condizioni per una svolta a sinistra", sottolinea il leader della sinistra dopo aver chiesto e ottenuto "signiticativi punti di discontinuita" - assicurano i suoi - in tema di sanità, mobilità, ambiente, gestione dei rifiuti, lavoro".

Zingaretti esulta: "Sono molto contento per la scelta di Liberi e Uguali. Un importante fatto politico che arricchisce il profilo del nuovo centrosinistra regionale che stiamo costruendo - commenta confermando di aver trovato una quadra sul programma -. Dopo i tavoli e i gazebo del Pd di questi giorni e il lancio della Lista Civica di oggi, l'annuncio di Pietro Grasso rafforza la credibilità di vittoria per il 4 marzo".

A non gradire il comportamento dei dem è invece Civica popolare che con Lorenzo Dellai definisce "surreale" quanto si va prefigurando nel Lazio e arriva a mettere a rischio l'accordo in via di definizione per le politiche: "Un soggetto politico, Civica popolare, che già ha espresso il suo orientamento a costruire un'alleanza con il Pd per le elezioni nazionali, contro la destra e il populismo grillino ed in coerenza con il sostegno al Governo Gentiloni, pare sia oggetto dichiarato di veto politico da parte di LeU. E non risulta che Zingaretti abbia sollevato obiezioni al riguardo", dice. Di più. "A questo punto, sorgono per noi pesanti ed insuperabili questioni politiche", sottolinea ribadendo che quella guidata da Beatrice Lorenzin non rappresenta "affatto in una lista civetta 'à la carte'". I centristi attendono quindi "un segnale di chiarezza" dal Pd, "solo dopo il quale - scandisce Dellai che parla a nome di tutto il gruppo - sarà per noi possibile assumere le nostre decisioni politiche in Lazio e non solo". Dai dem, in ogni caso, trapela ottimismo. "Nessun rischio" di perdere per strada l'alleato centrista, "si risolve tutto", dice chi lavora alla trattativa in corso.

Soddisfazione, invece, in casa LeU, dove si tende ad archiviare come "superata" "l'incomprensione" - così viene definita - nata tra Grasso e Laura Boldrini dopo il "decido io" del leader riguardo una possibile alleanza con il M5s. "Siamo un soggetto pluralistico, è corretto che ognuno dica la propria opinione", placa la polemica il presidente del Senato che rivendica per sé solo "la responsabilità finale di portare a sintesi le idee pliralistiche di un progetto politico". La presidente della Camera accetta la 'riformulazione' del leader. "Ha fatto bene a sottolineare il carattere pluralistico della nostra formazione. Sarebbe del resto paradossale - sottolinea però - se LeU volesse riprodurre quelle forme di gestione personalistica che critichiamo in altre forze politiche".

Scritto da 
  • Nadia Pietrafitta
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Luigi Di Maio presenta la squadra di Governo

Mattarella convoca Conte al Quirinale alle 17.30. Di Battista attacca il Colle

Di Maio esulta: "Inizia la terza Repubblica". Lega: "Pronti a partire"

Luigi Di Maio presenta la squadra di Governo

Governo, M5S si divide su Conte premier. Di Maio: "Resta il nostro candidato". Carelli: "Potrebbe saltare"

Si attende la decisione di Mattarella. Il prof indicato da Lega e M5S per l'incarico a presidente dei Consiglio finito nella bufera per le presunte irregolarità nel suo curriculum

Trasmissione televisiva 'in 1/2 ora'

Governo, chi è Paolo Savona: l'economista anti euro

È stato direttore della Banca d'Italia e di Confindustria. È lui il nome indicato da Salvini e Di Maio per il Mef

COMBO-FILES-ITALY-POLITICS-GOVERNMENT-PARTIES

Governo, Conte e Savona su graticola: ipotesi Di Maio premier, no di Salvini

Si indebolisce la candidatura del professore indicato come premier da M5S e Lega e riprende quota. Anche Paolo Savona in bilico al Mef