Venerdì 21 Aprile 2017 - 10:45

Le Pen: Il Paese è in stato di guerra, abrogare leggi lassiste

La leader del Front National candidata alle presidenziali chiede di reintegrare le frontiere ed espellere segnalati da 007

Le Pen: Il Paese è in stato di guerra, abrogare leggi lassiste

"Dato che il Paese è in uno stato di guerra, la risposta deve essere globale, totale, vale a dire quella di un Paese intero". Lo ha dichiarato la leader dell'utradestra e candidata alle presidenziali Marine Le Pen in una dichiarazione pubblica dopo l'attacco di ieri sera sugli Champs-Elysees di Parigi in cui è rimasto ucciso un poliziotto. "Questa guerra che stiamo conducendo è spietata e implacabile. Ognuno capisce che non possiamo perdere", ha aggiunto invitando tutti all'"unità della nazione e alla lucidità", denunciando il "lassismo e l'ingenuità", ai quali "la nazione deve ora rinunciare".
 

Le Pen chiede di reintegrare immediatamente le frontiere francesi ed espellere tutti gli individui segnalati con la 'fiche s' e monitorati dai servizi segreti. "Da Presidente della Repubblica chiamerò un governo di unione nazionale raggruppato attorno ai principi che ho difeso. Bisogna urgentemente mettere fine al lassismo giudiziario, abrogare le leggi penali lassiste Dati e Taubira". Poi ha sottolineato: "Il finanziamento delle moschee non potrà essere in alcun caso pubblico o di provenienza straniera". 

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Campagna di Russia

La ritirata di Russia 75 anni fa: 100mila soldati non tornarono

"Solo a piedi, sempre a piedi, con un freddo terribile", ricorda ancora oggi l'allora giovane sottotenente della divisione Ravenna Guido Placido

Putin e Erdogan in conferenza stampa a Ankara

Russia, Putin: "Correrò alle elezioni da indipendente"

Il presidente russo spera nel sostegno di più di un partito politico

Handout photo of Kentucky state Representative Dan Johnson (R-KY)

Usa, si suicida deputato repubblicano del Kentucky accusato di stupro

L'accusa di stupro risale al 2013, ma il caso era stato riaperto sulla scia degli scandali sessuali che hanno travolto altri 4 deputati della sua legislatura

Rohingya refugees make their way over a bridge at the Kutupalong refugee camp near Cox's Bazar

Birmania, Msf: "6.700 rohingya uccisi in un mese". E il Papa: "Sono loro Gesù"

Il bilancio ufficiale delle autorità birmane riferito allo stesso periodo è di 400 vittime