Mercoledì 16 Maggio 2018 - 18:45

Lega-M5S, chiuso contratto: nel testo non c'è uscita dall'euro

Oltre 40 pagine di accordo. A Salvini e Di Maio gli ultimi nodi da sciogliere, trattativa "ad oltranza" sul premier

Incontro tra parlamentari M5s e Lega Nord al Pirellone

È terminato il tavolo tecnico M5S-Lega sul contratto di governo. Nell'accordo, che occupa lo spazio di oltre 40 pagine, non c'è il punto relativo all'uscita dall'euro, né il referendum, e ogni posizione sul tema andrà verificata con i partner europei dell'Italia. C'è invece un capitolo dedicato ai vaccini, anche se i dettagli non sono ancora noti. Chi ha partecipato al tavolo spiega che su pochi argomenti manca ancora un'intesa definitiva, che ora dovranno trovare Luigi Di Maio e Matteo Salvini. Tra i temi da rivedere la gestione dei flussi migratori, sulla quale la distanza non appare incolmabile.

A parte le ultime limature, i due leader sono concentrati adesso sulla scelta del nome del prossimo presidente del Consiglio e, a cascata, sui ministri dell'esecutivo giallo-verde. Stando a quanto afferma una autorevole fonte parlamentare, i leader di M5S e Lega andranno avanti nella trattativa "a oltranza" fino a quando non ci sarà un accordo sulla figura che dovrà gestire Palazzo Chigi.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Paolo Gentiloni a piedi nei pressi di palazzo Chigi

Gentiloni lascia Chigi e scherza: "Non mi hanno mostrato la stanza dei bottoni"

Il premier uscente ha salutato i dipendenti: "Dovrebbe arrivare il nuovo esecutivo. Lasciamo il Paese con più lavoro, più diritti e conti a posto"

Giuseppe Conte entra alla Camera dei Deputati

Governo, si allungano i tempi. Conte lavora sulla lista dei ministri, incontro informale al Colle

Il premier incaricato dal governatore della Banca d'Italia a Palazzo Koch, poi vertice con Salvini e Di Maio. Conte non scioglierà la riserva prima di sabato

Il Presidente Mattarella a Civitavecchia in occasione della partenza della "Nave della Legalità"

Il Colle non ci sta: "Tema non sono veti, ma diktat su Mattarella e Conte"

Trapelano malumori per la posizione di Di Maio e Salvini su Savona all'Economia

Quirinale, Consultazioni

Salvini: "Pace fiscale e autonomia le priorità". E insiste su Savona al Mef

Una persona che vuole ridiscutere le regole europee "è un vanto per l'Italia, non un disvalore"