Venerdì 12 Gennaio 2018 - 12:45

Lega, Maroni: "Non farò più politica. Sosterrò Salvini lealmente"

Il governatore uscente della Lombardia spiega lo sfogo e rassicura il partito

Autonomia. Convocazione di Maroni e Bonaccini

"Basta, chiusa la vicenda. Sostengo Salvini lealmente, come ho detto, come candidato premier e adesso mi occupo della Regione per sostenere Attilio Fontana. Considero chiusa questa vicenda. Mi sono un po' sfogato, perché mi sono sentito trattato un po' male. È stato uno sfogo, fine, basta". Iil presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni torna sull'intervista a 'Il Foglio' in cui aveva definito "stalinista" il segretario della Lega, Matteo Salvini.

"Se lo chiamerò? Sì, certo. Siamo entrambi milanisti, fede rossonera. Considero chiusa questa vicenda spiacevole. Poteva essere gestita meglio? Sì, certamente da entrambe le parti ma per me la questione è chiusa", ha concluso Maroni. 

Loading the player...

Tornando poco dopo sull'argomento, il governatore ha specificato: "Mi dispiace di queste polemiche che non ho voluto io, ma per me pagina chiusa. Viva 'Salvini premier'. È stata una cosa sul piano umano, non sul piano politico. Poi è stata interpretata, come sempre, con retroscena, patti segreti, tutte stupidaggini. È stato uno sfogo umano, ci sta. Mi sono sfogato, fine basta. Ora si torna a lavorare come prima a sostegno di Salvini premier, perché così fanno i leghisti e io sono della Lega".

E sul suo futuro in politica precisa: "Non mi occupo più di politica, perché me ne libero, me ne vado e lascio". A chi gli chiedeva se farà una fondazione, come scrive 'La Stampa', il governatore ha risposto: "No, ho altre cose, altri progetti in mente fuori dalla politica. Sono molto felice di questa scelta, perché è una vita nuova".

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Piazza Montecitorio - Manifestazione del M5S contro il Rosatellum

M5S, Morra: "Alleanze? Chi vuole combattere per nostro programma ben venga"

Il senatore commenta le parole di Beppe Grillo e ribadisce la linea di Di Maio, senza escludere dunque apporti esterni dopo il voto

Liliana Segre, reduce di Auschwitz

Chi è Liliana Segre, sopravvissuta all'Olocausto e nuova senatrice a vita

Vittima delle leggi razziali del fascismo, il 30 gennaio 1944 venne deportata con il padre in Germania e poi al campo di concentramento di Birkenau-Auschwitz

Porta a porta, ospiti Danilo Toninelli e Matteo Orfini

Pd, Orfini: "LeU? Evitiamo scenari confusi alla D'Alema. No larghe intese"

Per il presidente del Partito democratico Renzi è la prima scelta per palazzo Chigi, senza escluderne però altri. E l'obiettivo da raggiungere alle urne è il 25%

Milano, convegno "Fare pace è un'impresa"

Olocausto, Mattarella nomina Liliana Segre senatrice a vita

Sopravvissuta ai campi di concentramento, ha ricevuto la carica per il suo impegno nel campo sociale