Giovedì 18 Maggio 2017 - 07:30

Legge elettorale, Di Maio sfida Renzi: Alla fine non la faranno

"È chiaro che si stia provando a fare una legge contro il M5S insieme a Verdini"

Legge elettorale, Di Maio sfida Renzi: Non la faranno e torneranno da noi

Matteo Renzi detta i tempi: a giugno ci sarà la nuova legge elettorale. E Luigi Di Maio risponde: "Non la faranno e torneranno da noi con la coda tra le gambe". L'annuncio del segretario del Pd di portare la nuova legge a Montecitorio il 29 maggio è tema attuale e il vicepresidente della Camera lo sa. Così, nel suo arrivo a Torino per parlare di immigrazione, non si sottrae alle domande di quanti gli chiedono un commento sull'accelerata dell'ex premier. E lancia il suo affondo: "È chiaro che si stia provando a fare una legge contro il M5S insieme a Verdini e a qualche pezzo del Gruppo misto e con una Lega Nord che prima urlava all'inciucio, quando noi abbiamo aperto al Pd, e ora si butta nella mischia. Credo che non riusciranno ad approvarla perché, sebbene stiano facendo i conti, al Senato in questo momento ognuno va per sé, nel Pd e anche nei partiti minori. Quindi torneranno da noi a chiederci di trovare una quadra, alla luce del sole, su una legge elettorale che possa davvero dare governabilità a questo Paese. E noi ancora una volta saremo disponibili a fare una legge seria per l'Italia che garantisca governabilità. Saremo disponibili anche quando torneranno da noi con la coda tra le gambe".

L'esponente 5 Stelle va oltre e guarda già a una squadra pentastellata di governo: "La nostra squadra sarà formata prima delle elezioni politiche. Sceglieremo il premier con regole che ancora non sono state definite, e lui si sceglierà i suoi ministri". E' la vera novità secondo Di Maio: "Gli italiani prima del voto conosceranno il premier e la squadra di governo". Non è dato sapere se "saranno tecnici o politici o se saranno persone interne o esterne al Movimento perché penso che agli italiani quello che interessa è che siano persone in grado di dimostrare capacità a risolvere i problemi, competenza e credibilità".

L'obiettivo è chiaro: mandare a casa l'attuale governo il prima possibile. Secondo Di Maio, dalla telefonata di Renzi con il padre "viene fuori come al solito la doppia faccia di Renzi e del Pd e, come abbiamo visto, di Maria Elena Boschi sul caso delle banche. Loro hanno infettato le istituzioni con la menzogna: dobbiamo liberarcene democraticamente".

Sullo sfondo ci sono gli sbarchi, la rotta del Mediterraneo da chiudere, il rapporto con l'Europa, le frontiere, e su questo Di Maio usa un tema molto caro ai renziani: un maggiore impegno di Bruxelles.  "Se vogliamo risolvere il problema dell'immigrazione - ricorda il vicepresidente della Camera - abbiamo bisogno che tutta l'Unione europea faccia la sua parte perché noi la stiamo facendo con 4,5 miliardi di euro all'anno".

Scritto da 
  • Valentina Innocente
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Piazza Montecitorio - Manifestazione del M5S contro il Rosatellum

M5S, Morra: "Alleanze? Chi vuole combattere per nostro programma ben venga"

Il senatore commenta le parole di Beppe Grillo e ribadisce la linea di Di Maio, senza escludere dunque apporti esterni dopo il voto

Liliana Segre, reduce di Auschwitz

Chi è Liliana Segre, sopravvissuta all'Olocausto e nuova senatrice a vita

Vittima delle leggi razziali del fascismo, il 30 gennaio 1944 venne deportata con il padre in Germania e poi al campo di concentramento di Birkenau-Auschwitz

Porta a porta, ospiti Danilo Toninelli e Matteo Orfini

Pd, Orfini: "LeU? Evitiamo scenari confusi alla D'Alema. No larghe intese"

Per il presidente del Partito democratico Renzi è la prima scelta per palazzo Chigi, senza escluderne però altri. E l'obiettivo da raggiungere alle urne è il 25%

Milano, convegno "Fare pace è un'impresa"

Olocausto, Mattarella nomina Liliana Segre senatrice a vita

Sopravvissuta ai campi di concentramento, ha ricevuto la carica per il suo impegno nel campo sociale