Martedì 10 Ottobre 2017 - 21:30

Legge elettorale, Pisapia: "Da Cp no a fiducia, è pessima legge"

"Un provvedimento varato ad uso e consumo di cartelli politici improvvisati e non frutto di un ragionamento ampio"

Legge elettorale, Pisapia: "Da Cp no a fiducia, è pessima legge"

"I parlamentari che aderiscono a Campo Progressista non voteranno la fiducia alla legge elettorale posta dal Governo". E' quanto si legge sul profilo Facebook di Campo Progressista, rilanciato sui social network anche da Giuliano Pisapia.

"Ancora una volta ci troviamo di fronte a una legge più che elettorale, pre-elettorale - si legge ancora - Un provvedimento varato ad uso e consumo di cartelli politici improvvisati e non frutto di un ragionamento ampio e condiviso: candidature su più collegi dello stesso candidato per permettere l'elezione garantita a lui e ai 'secondi' nei collegi rimanenti, la gran parte dei parlamentari saranno nominati dai partiti e non scelti dai cittadini e, peggiorando la già pessima proposta precedente, non sarà possibile il voto disgiunto tra partito e candidato nella componente maggioritaria, forzando l'elettore a scegliere obbligatoriamente l'abbinamento candidato-partito. Una pessima legge portata al voto con un pessimo metodo che questo facsimile di scheda elettorale, confusa e confusiva, rappresenta plasticamente".

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Crollo Genova, i vigili del fuoco proseguono ispezione area ponte

Genova, Mit e Autostrade nel mirino. Pressing per dimissioni Ferrazza

Bufera sull'architetto alla guida della commissione d'inchiesta del ministero

Genova, crollo Ponte Morandi: le case evacuate della zona rossa sotto al ponte

Genova, M5S: "Forza Italia e Pd hanno favorito i concessionari autostradali"

Per i pentastellati "sono stati proprio i governi di centrodestra e centrosinistra a costruire un sistema insano"

Genova, il giorno dopo il crollo del ponte

Genova, Governo all'opera: studia 'piano Giorgetti' e dialoga con Fi

La proposta del sottosegretario alla presidenza del Consiglio: "Non riguarderà solo autostrade e ponti ma anche le scuole. Sarà un'operazione di manutenzione senza precedenti"

Genova, crollo Ponte Morandi: Matteo Salvini sul luogo del disastro

Autostrade, l'ipotesi nazionalizzazione agita il governo e la Lega

Fa discutere anche il voto del Carroccio, nel 2008, a favore della conversione del decreto 'Salva Benetton'