Domenica 15 Gennaio 2017 - 16:15

Lily Rose Depp: So che il mio cognome può aiutarmi a fare film

La figlia 17enne di Johnny e Vanessa Paradis presto nei cinema con due pellicole

Lily Rose Depp: So che il mio cognome poteva aiutarmi a fare film

"Sono stata sempre ben conscia che un ruolo mi poteva essere offerto solo per via di quel cognome, magari perché stava bene sul manifesto del film". Lily Rose Depp, 17 anni, è figlia di Johnny Depp e Vanessa Paradis. Presto sarà in sala con 'Planetarium' di Rebecca Zlotowski, in cui recita al fianco di Natalie Portman, e 'The Dancer' di Stephanie Di Giusto. "Sicuramente scegliere questo mestiere - confessa a La Stampa - portando questo nome ha aumentato un po’ la pressione di tutto. Fin dall’inizio, però, ho cercato semplicemente di fare il meglio che potevo, senza pensare di confrontarmi con i miei genitori che, naturalmente, sono ben altra cosa". Quanto al rapporto con mamma Vanessa e papà Johnny, il loro principale insegnamento è "fidarmi del mio istinto, senza ascoltare troppo gli altri".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Fedez e Chiara Ferragni al mare a Miami

Fedez e Chiara Ferragni, prove di agilità in California: GUARDA IL VIDEO

Una delle coppie più glamour del momento si cimenta in una "presa" semi acrobatica ma il risultato non è entusiasmante

Kim Kardashian ha cellulilte e i fan non gradiscono: Bugiarda

Kim Kardashian ha la cellulite, i fan non gradiscono: Bugiarda

Nella querelle è intervenuto anche Balotelli che l'ha definita, con sgarbo, 'orribile'

Gli auguri di Totti a Ilary Blasi: Passa il tempo ma non l'amore che provo per te

Gli auguri di Totti a Ilary Blasi: Passa il tempo ma non l'amore che provo per te

La showgirl compie oggi 36 anni e il suo Francesco affida a Twitter un romantico messaggio

Fidanzato di Nina Moric: Corona mi accusa? Io lo denuncio per calunnia

Fidanzato di Nina Moric: Corona mi accusa? Io lo denuncio per calunnia

"Io sono convinto che sia mal consigliato da chi lo muove"