Lunedì 20 Marzo 2017 - 11:45

Locri, don Ciotti: Messaggi vili, lavoro primo antidoto alle mafie

"Gli 'sbirri', che sono persone al servizio di noi tutti, sarebbero meno presenti se la presenza mafiosa non fosse così soffocante"

Locri, don Ciotti: Messaggi vili, lavoro primo antidoto alle mafie

"Siamo i primi, da sempre, a dire che il lavoro è necessario, anzi che è il primo antidoto alle mafie. Ma che sia un lavoro onesto, tutelato dai diritti, non certo quello procurato dalle organizzazioni criminali". Così in una nota il presidente di Libera don Luigi Ciotti, commentando le scritte apparse questa notte sulle pareti del Vescovado di Locri. "Gli 'sbirri', che sono persone al servizio di noi tutti, sarebbero meno presenti se la presenza mafiosa non fosse così soffocante - continua don Ciotti - Questi vili messaggi, vili perché anonimi, sono comunque un segno che l'impegno concreto dà fastidio. Risveglia le coscienze, fa vedere un 'alternativa alla rassegnazione e al silenzio". "Noi è con questa Calabria viva, positiva, che costruiamo - conclude il fondatore di Libera - trovando in tante persone, soprattutto nei giovani, una risposta straordinaria, una straordinaria voglia di riscatto e di cambiamento".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Elezioni Comunali Genova 2017

Ballottaggi in 111 Comuni, bassa l'affluenza: alle 12 al 15%

Il centrodestra parte in vantaggio sul centrosinistra, M5S presente solo ad Asti tra i centri maggiori

Grasso rinuncia a offerta Pd: Non mi candido presidente della Sicilia

Grasso dice no al Pd: Non mi candido presidente della Sicilia

"Il momento delicato mi impone di rimanere in Senato"

Camera dei Deputati - Camera ardente di Stefano Rodotà

Rodotà, Gentiloni alla camera ardente: Merita ricordo del Paese

Le parole di Boldrini: "E' stato un vero privilegio lavorare con lui"

Rai, Fico attacca Fazio: E' vergognoso, con aumento di stipendio non scappa più

Rai, Fico: Fazio vergognoso, con aumento stipendio non scappa più

Il presidente della Vigilanza Rai si scaglia contro il conduttore: "Fa il comunista, ma se gli toccano il portafogli..."