Lunedì 20 Marzo 2017 - 11:45

Locri, don Ciotti: Messaggi vili, lavoro primo antidoto alle mafie

"Gli 'sbirri', che sono persone al servizio di noi tutti, sarebbero meno presenti se la presenza mafiosa non fosse così soffocante"

Locri, don Ciotti: Messaggi vili, lavoro primo antidoto alle mafie

"Siamo i primi, da sempre, a dire che il lavoro è necessario, anzi che è il primo antidoto alle mafie. Ma che sia un lavoro onesto, tutelato dai diritti, non certo quello procurato dalle organizzazioni criminali". Così in una nota il presidente di Libera don Luigi Ciotti, commentando le scritte apparse questa notte sulle pareti del Vescovado di Locri. "Gli 'sbirri', che sono persone al servizio di noi tutti, sarebbero meno presenti se la presenza mafiosa non fosse così soffocante - continua don Ciotti - Questi vili messaggi, vili perché anonimi, sono comunque un segno che l'impegno concreto dà fastidio. Risveglia le coscienze, fa vedere un 'alternativa alla rassegnazione e al silenzio". "Noi è con questa Calabria viva, positiva, che costruiamo - conclude il fondatore di Libera - trovando in tante persone, soprattutto nei giovani, una risposta straordinaria, una straordinaria voglia di riscatto e di cambiamento".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Venezia: Referendum sull'autonomia: la conferenza stampa

Referendum, Zaia: "Pronti a trattare con il governo". Salvini: "Lezione di democrazia"

Maroni difende il voto elettronico: "Ha funzionato bene, è il futuro"

P.zza Montecitorio, presidio in favore del testamento biologico

Biotestamento, l'appello dei sindaci: "Legge subito in Senato"

Tra i firmatari Raggi, Appendino, Sala e de Magistris

Sergio Mattarella in occasione dell'incontro con i Magistrati ordinari in tirocinio

Mattarella: "Inaccettabili credenze antiscientifiche che ostacolano vaccini"

L'intervento del capo dello Stato alla cerimonia 'I giorni della ricerca' contro il cancro al Quirinale

Referendum sull'autonomia della Lombardia, il voto di Matteo Salvini

Referendum, Salvini: "Lezione di democrazia, abbiamo vinto 5 a 0"

"Abbiamo scelto una via regolare, pacifica, costituzionale. Il nostro unico interlocutore è il presidente del Consiglio"