Lunedì 20 Marzo 2017 - 10:30

Locri, scritte offensive sul Vescovado: 'Don Ciotti sbirro'

Il commento di monsignor Oliva: "Qui abbiamo bisogno di lavoro onesto, non vogliamo quello portato dalla mafia"

Locri, scritte offensive sul Vescovado: 'Più lavoro, meno sbirri'. Insulti a Don Ciotti

Nelle scritte comparse oggi sul Vescovado di Locri "si chiede lavoro, e questo è un problema fondamentale in queste terre. Ma qui serve lavoro onesto, che non tolga la dignità e non nasca dalla sottomissione. Qui non vogliamo il lavoro portato dalla mafia". Queste le parole del vescovo di Locri, monsignor Francesco Oliva, raggiunto al telefono da LaPresse. Nella notte le scritte 'più lavoro, meno sbirri' e 'don Ciotti sbirro' sono state tracciate sulle pareti esterne dell'edificio che in questi giorni ospita don Luigi Ciotti, presidente di Libera, intervenuto per la Giornata della Memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie.

LEGGI ANCHE  Don Ciotti: Messaggi vili, lavoro primo antidoto alle mafie

NON ABBASSARE ATTENZIONE. "Don Ciotti sta facendo un lavoro eccezionale di educazione, un lavoro molto importante - ha aggiunto Monsignor Oliva - Non dobbiamo abbassare l'attenzione sulla 'ndrangheta, continuiamo a denunciare il fatto che la criminalità crea solo lavoro nero e disonesto. I caporali tolgono la dignità e calpestano i diritti degli operai. Il lavoro della mafia non ci serve". Monsignor Oliva ha chiarito: "Quello che vogliamo è un lavoro degno, che rispetti i diritti degli operai, non il lavoro per il quale si ricorre al capo pastore o al capo cantoniere o al boss di turno", ha chiarito l'agenzia dei vescovi italiani. Il vescovo di Locri ha richiamato l'attenzione su "i segnali che sono partiti dalla nostra diocesi attraverso il lavoro delle cooperative".

GENTILONI ESPRIME SOLIDARIETA'.  Il Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni ha espresso in una telefonata solidarietà e vicinanza a don Ciotti per le intimidazioni subite.
 

 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Brescia, Processo d'appello per Massimo Bossetti

Caso Yara, test dna che inchioda Bossetti valido, analisi irripetibile

Le motivazioni della sentenza con cui i giudici hanno condannato all'ergastolo il muratore di Mapello

Milano, in Centrale camper della Polizia di Stato contro la violenza sulle donne

#QuellaVoltaChe, su Twitter le donne raccontano le molestie subite

L'hashtag è stato lanciato dalla scrittrice Giulia Blasi e sta riunendo i racconti di centinaia di italiane

Corto Maltese - Frankfurt Buchmesse 2015

L'Antitrust assolve Corto Maltese dopo l'esposto del Codacons sul fumo

"La sigaretta risulta elemento caratterizzante il personaggio e costituisce espressione della non sindacabile libertà di manifestazione artistica"

Il fidanzato incontra altre donne e lei lo accoltella: arrestata

Il fidanzato incontra altre donne e lei lo accoltella: arrestata

E' successo ad Arezzo, l'uomo non è in gravi condizioni