Lunedì 02 Aprile 2018 - 21:30

Los Angeles, apre il museo dei selfie: l'autoscatto è un'opera d'arte

Un'esposizione interattiva aperta per due mesi

Visitatori al parco botanico olandese Keukenhof

Fare un selfie è questione di arte: bisogna scegliere la giusta angolatura, togliere la parte del braccio teso per scattare la foto, sollevare il mento e soprattutto sorridere. Non è dunque così sorprendente che questa febbre dell'autoscatto nell'era dei social network abbia adesso un museo dedicato, che è stato inaugurato domenica a Glendale, alla periferia di Los Angeles.

Curiosi di esplorare tendenze e origini di questo fenomeno, divertendosi, i due fondatori del Museo dei selfie, Tommy Honton e Tair Mamedov, hanno avuto l'idea di un'esposizione interattiva. "I selfie hanno una storia sorprendentemente ricca che risale a quando l'umanità ha creato l'arte", spiega Tom Honton. Statue che imitano il celebre David di Michelangelo con uno smartphone rosa in mano, un trono fabbricato con i selfie-stick, ma anche le istruzioni di sicurezza del governo russo diffuse dopo diversi incidenti mortali, o ancora l'autoscatto fatto da una scimmia con la sua macchina dal fotografo David Slater: con la loro esposizione, i fondatori del museo vogliono dimostrare che questi autoscatti sono ben più che una semplice foto.

"Rembrandt ha realizzato centinaia di autoritratti, Albrecht Dürer cinque, Van Gogh decine. Qual è la differenza? Evidentemente la tecnica artistica e la portata sono un aspetto, ma in realtà se i telefonini e le macchine fotografiche fossero esistite, tutti avrebbero potuto farne". E nel museo il selfie è quasi obbligatorio. Aperto per due mesi, il Museo dei selfie potrà prolungare la sua esistenza a Los Angeles se ce ne sarà occasione, spiegano i fondatori, che si dicono anche pronti a pensare a un'esposizione itinerante negli Stati Uniti o addirittura nel mondo. Vi si trovano anche delle statistiche legate alla tendenza del selfie, da cui emerge per esempio che le donne sono più pronte degli uomini a fare dei selfie. A San Paolo il 65,4% dei selfie viene fatto da donne, a New York il 61,6%, percentuale che esplode a Mosca, con l'82%. 
 

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Bruxelles, intervista a Mariya Gabriel

Digitale, Commissione Ue punta su AI: "Ma è l'uomo alla guida"

Aumentati gli investimenti per il biennio 2018-2020 fino a 1,5 miliardi nel quadro del programma Horizon 2020

25999778

WhatsApp alza a 16 anni l'età minima per l'utilizzo nell'Ue

L'app si è adeguata a un nuovo regolamento europeo sulla protezione dei dati personali

Manifestazione Vivite dove il vino parla la  lingua di tutti

Il vino italiano vince la sfida con quello francese: è record storico

Di fatto vince l'ottimo rapporto prezzo/qualità della produzione italiana

Carbonara day, il mondo celebra (e mortifica) la nostra ricetta

Il primo piatto romano sempre più bistrattato all'estero. Ma sono tante le specialità 'ardite' spacciate per italiane