Mercoledì 11 Ottobre 2017 - 20:15

M5S supera prova piazza e unità interna. I 3 big insieme sul palco

Di Maio, Di Battista e Fico uniti nella protesta contro la fiducia al Rosatellum

Montecitorio. Manifestazione del Movimento 5 stelle contro il Rosatellum

Esame doppio superato dal M5S, promosso sia nella prova di piazza sia sul piano della coesione interna. Roberto Fico, Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista arrivano tutti e tre insieme dai manifestanti riuniti davanti a Montecitorio per protesta contro la legge elettorale.

Sembrano immagini di altri tempi, ma sono solo tempi nuovi. Sul palco si abbracciano, 'Dibba' in mezzo. Parlano prima Fico, poi Giancarlo Cancelleri, Di Battista, infine Di Maio. Pace fatta, anzi di più. Di Maio cita Fico: "Come mi disse Roberto quando misero la fiducia sull'Italicum, 'chi vuole tutto perde tutto' poi Renzi si dimise dopo la sconfitta al referendum". Quindi Fico al microfono: "Amo questo Movimento perché si discute, ma alla fine si fa sempre la scelta giusta", un riconoscimento pieno all'operato del nuovo capo politico che, mentre lui parla, applaude.

In piazza, secondo fonti di polizia, sono arrivate fra le 1500 e le 2mila persone. Una realtà composita dove si sono incrociati i sindacati delle forze di polizia in protesta contro il reato di tortura e il movimento dell'ex generale Antonio Pappalardo. Qualche frizione tra le parti si è avuta quando Pappalardo ha preso il megafono, ma niente di più. L'unica autoambulanza si è vista poco prima del comizio finale quando un attivista si è sentito male.

"Siamo una piazza pacifica e antiviolenta", sottolinea Di Battista che, prendendo il microfono, fa autoironia e, con riferimento all'episodio di ieri, dice: "Mi sono sbagliato, questa mattina ero a piazza del Popolo". Il Pd è "come i fascisti" perché ha voluto la fiducia e Salvini si è "venduto" insieme alla Lega per un pugno di voti: autonomia rivendicata contro gli avversari più prossimi. I cori scandivano i soliti slogan: 'Vergogna, onestà, buffoni'. Fischi per il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, Fico ha dovuto zittire la piazza, ma anche lui ha criticato il Capo dello Stato. "Non voglio dire a Mattarella di firmare o non firmare perché è nelle sue prerogative e sa bene cosa fare - precisa - Ma non condivido il fatto che sia stata messa la fiducia e qui Mattarella avrebbe dovuto fare un passaggio molto più duro e forte che non ha fatto. Sembra quasi avvallare la fiducia. E mettere la fiducia sulla legge elettorale a pochi mesi dal voto è davvero uno scandalo".

Dal deputato 'ortodosso' viene un richiamo allo spirito delle origini: "Siamo un Movimento francescano, ricordiamocelo". E a chi gli fa notare che questo raduno di popolo è di fatto una conferma della sua linea, dopo le tensioni registrate con Grillo nelle scorse settimane per la gestione delle primarie pentastellate, Fico replica: "Non è una rivincita, il Movimento è questo, è fatto di piazza e di 'parole guerriere'", riprendendo l'espressione che fu di Beppe Grillo. Intanto Di Maio rilancia con una "veglia per la democrazia" nella serata di domani quando è previsto il voto finale sul provvedimento e dove potrebbe arrivare anche Beppe Grillo. La speranza è che la maggioranza vada sotto durante il voto segreto finale, ma la certezza condivisa dai tre big è una sola: "Il Rosatellum non fermerà il Movimento 5 Stelle, lo dimostra questa piazza". 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Governo, festa M5s. Grillo suona la campanella

Beppe Grillo compie 70 anni. M5S lo omaggia: "Paziente 0 che ha diffuso virus"

Il fondatore del blog scherza su Twitter: "Vi aspetto su Marte per il Movimento 6 Stelle! Siamo oltre!"

Audizione di Tito Boeri in Commissione Lavoro e Finanze congiunte

Dl dignità, M5s contro Boeri: "Non è un tecnico ma un politico, si dimetta"

Nel frattempo continua il pressing dei partiti per modificare il decreto Dignità, e filtra l'idea di un'intesa M5S-Lega per introdurre le norme attraverso un apposito periodo transitorio

Al via il terzo giro di consultazioni al Quirinale per la formazione del nuovo governo

Pd, Grasso condannato a pagare oltre 83mila euro: "Pronto a ricorso"

Si tratterebbe della somma delle quote mensili di 1.500 euro che ogni eletto si impegna a versare al partito

Cdp, chi è Palermo: manager interno che ha lavorato a Fincantieri

Lavora già a Cdp da quasi 4 anni, dove è Chief Financial Officer