Martedì 17 Aprile 2018 - 11:00

Macron all'Europarlamento: "C'è guerra civile europea. Attenti a egoismi nazionali"

Il presidente francese di fronte alla plenaria parla del futuro dell'Unione e della Siria

Strasburgo, il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani riceve Emmanuel Macron

"È necessaria una sovranità europea: difendere l'idea di Europea non è difendere un'idea astratta, significa partire dal fatto che a fronte del momento attuale serve una sovranità piu forte di quella attuale", "a fronte di migrazioni, insicurezza planetaria, trasformazioni ambientali e sociali", "essa ci consentirà di dare risposte giuste". Lo ha dichiarato il presidente francese, Emmanuel Macron, parlando alla plenaria dell'Europarlamento. Bisogna "difendere" una "sovranità europea reinventata" e una "democrazia viva in cui tutti noi crediamo", "non cederò alla fascinazione per i regimi autoritari".  

Parlando di autoritarismi e populismi, della situazione legata alla Brexit e delle divisioni all'interno dell'Ue, Macron ha messo in guardia su una "sorta di guerra civile europea". "Ci sono delle divisioni tra i Paesi, ma al di là delle divisioni questo modello democratico è unico al mondo", "il modello europeo non è ne datato né astratto" e "dipende dal nostro impegno, dobbiamo difenderlo ogni giorno assieme. La prima condizione è: verita e responsabilità", ha continuato.

"Appartengo a una generazione che non ha conosciuto la guerra e che si sta dando il lusso di dimenticare ciò che i suoi predecessori hanno vissuto", "non voglio appartenere a una generazione di sonnambuli che dimentica il passato e non vuole vedere i tormenti attuali. Ognuno deve prendersi le proprie responsabilità, voglio appartenere a una generazione che decide di difendere la propria democrazia, perché è una parola che ha senso e che è frutto di battaglie passate. Voglio appartenere a una generazione che difenda la sovranità europea, che permetterà alle generazioni future di scegliere liberamente il loro futuro" 

Sulla questione dei migranti "bisogna costruire solidarietà interna. Propongo di creare un programma europeo che finanzi direttamente le comunità locali che accolgono e integrano i rifugiati". È necessario "sbloccare il dibattito avvelenato sul regolamento di Dublino e le ricollocazioni, e superarlo costruendo solidarietà interna ed esterna".

Dopo Macron, la parola è passata al presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker: "Bisogna ricordare che per far funzionare l'Ue bisogna coinvolgere tutti, bisogna ricordare che non ci sono soltanto francesi e tedeschi", il blocco è "un'unione a 28". Poi ha aggiunto: "Vorrei che il divario che spesso divide l'est e l'ovest fosse risolto da una nuova ambizione comune", e anche che "si tenesse conto del futuro dei Balcani", "sapendo che ci sono difficoltà su alcuni punti" su cui "c'è ancora molto da fare". Inoltre, il presidente Juncker ha detto di essere "favorevole all'iniziativa di Macron per il dialogo con i cittadini", sottolineando che progetti in questo senso sono stati realizzati in passato e "incoraggiando Parigi a organizzare un grande evento non solo in Francia ma in tutta l'Europa, perché essa merita un dibattito europeo approfondito".

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Usa, barricato nel market di Hollywood uccide una donna: bloccato

Prima ha sparato alla nonna e alla fidanzata: durante la fuga si è rifugiato nel supermercato prendendo in ostaggio diverse persone. Alla fine si è arreso

TOPSHOT-LIBYA-EU-MIGRANTS-RESCUE

Migranti, Open Arms accusa Libia e Italia. Viminale: "Bugie, li denunciamo"

La nave sbarca in Spagna con a bordo i cadaveri della donna e del bimbo recuperati a largo delle coste della Libia e Josepha, unica sopravvissuta al naufragio

Striscia di Gaza, tensioni e scontri tra palestinesi ed esercito israeliano

Tregua tra Hamas e Israele dopo l'ultimo scontro a fuoco nella Striscia di Gaza

Raggiunto un accordo dopo l'uccisione di un soldato dello Stato ebraico e quattro palestinesi