Lunedì 20 Marzo 2017 - 14:45

Mafia Capitale, ex collaboratore Alemanno: Buzzi era onnipresente

"Non esiste nessuna telefonata tra me e Carminati", ha aggiunto Lucarelli

Mafia Capitale, ex collaboratore Alemanno: Buzzi era onnipresente

"Buzzi era onnipresente". Lo ha detto Antonio Lucarelli,  capo segreteria dell'ex sindaco di Roma, Gianni Alemanno, intervenuto come testimone nel processo a Mafia Capitale che si tiene nell'aula bunker di Rebibbia. "Non esiste nessuna telefonata tra me e Carminati - ha aggiunto Lucarelli, rispondendo alle domande dei difensori dell'imprenditore Salvatore Buzzi che lo hanno citato - Non lo conosco, non l'ho mai conosciuto. In cinque anni in Campidoglio non ho mai ricevuto minacce, tanto meno legate alla cooperativa 29 giugno".  Salvatore Buzzi, ha detto Lucarelli, "partecipava a tavoli sui minori, con i sindacati, partecipava a tutto. Per qualsiasi problema c'era in città bisognava interfacciarsi con lui".

L'ex braccio destro di Alemanno ha confermato di aver incontrato l'imprenditore imputato nel processo: "Io ero il front office del Campidoglio, per cinque anni chiunque doveva passare da me - ha proseguito - ho parlato con Buzzi, sulle scale del Campidoglio, come ho parlato ogni giorno su quelle scale con decine di persone. Di quell'incontro non informai il sindaco: ora sembra importante ma all'epoca non lo era, di incontri così ne avevo centinaia ogni giorno".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

ITALY-LIBYA-EUROPE-MIGRANTS-NGO

Migranti, bimbo nato a bordo nave Aquarius: si chiama 'Miracolo'

Il piccolo è venuto alla luce sull'imbarcazione di ricerca e soccorso gestita da Medici Senza Frontiere e Sos Mediterranee. Lui e la mamma stanno bene

Sole e nuvole ma fa caldo: il meteo del 27 e 28 maggio

Le previsioni del servizio meteorologico dell'aeronautica militare

Roberto Izzo in aula per deporre durante il processo per la strage di Piazza Loggia

Morte Corazzin, sindaco San Vito al Tagliamento: "Verità per Rossella"

Parla Antonio Di Bisceglie, primo cittadino del Comune dove viveva la 17enne che, secondo la testimonianza del Angelo Izzo, sarebbe stata rapita e uccisa da un branco di giovani

Vigili del Fuoco controllano la facciata della Biblioteca Civica Centrale

Roma, giù dal cavalcavia dell'A24: morti suicidi due fratelli gemelli

È successo sull'autostrada Roma l'Aquila, subito dopo Tivoli. Avevano 56 anni