Giovedì 20 Aprile 2017 - 08:30

Mafia, confiscato il patrimonio al cugino di Messina Denaro

Filardo, imprenditore originario di Castelvetrano, è in carcere

Mafia, confiscato il patrimonio al cugino di Messina Denaro

 La Direzione investigativa antimafia di Trapani ha eseguito la confisca del patrimonio mobiliare, immobiliare e societario riconducibile a Giovanni Filardo, imprenditore edile originario di Castelvetrano (TP) attualmente detenuto in carcere, cugino di primo grado del boss latitante Matteo Messina Denaro. Con lo stesso provvedimento è stata disposta nei suoi confronti la sorveglianza speciale di pubblica sicurezza con obbligo di dimora per 4 anni.

Filardo è stato arrestato nel 2010 nell'ambito dell'operazione Golem fase II perché sospettato di concorso con Cosa nostra. Nello specifico, fu accusato di essere membro del mandamento mafioso di Castelvetrano e di partecipato a estorsioni, incendi, interposizione fittizia di valori e di aver favorito la latitanza di Matteo Messina Denaro. Per tali fatti Filardo è stato definitivamente condannato a 12 anni e 6 mesi, con sentenza della Corte d'Appello di Palermo, che ha riformato la sentenza di assoluzione pronunciata dal Tribunale di Marsala in primo grado.

 La confisca di oggi ha consentito di confiscare un'impresa edile a responsabilità limitata, 23 tra mezzi d'opera, automezzi e autoveicoli, un fabbricato rurale, 7 appezzamenti di terreno, una villa con finiture di pregio, un fabbricato a uso abitativo e 4 conti correnti bancari.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Milano, la prima prova dell'esame di maturità al Liceo Manzoni

Maturità, quasi 510mila studenti tornano sui banchi: via al toto tracce

Pirandello, Costituzione, Aldo Moro e immigrazione le possibili tracce della prima prova

Rom, Dijana Pavlovic: "Censimento illegale, l'odio di Salvini degenererà"

Intervista all'attrice, attivista per i diritti umani e già candidata alle ultime Europee di origine rom

Caserta, spari contro due migranti al grido "Salvini, Salvini!"

La denuncia del centro sociale Ex Canapificio, che gestisce il progetto Sprar della città insieme alla Comunità Rut delle Suore Orsoline e alla Caritas

I selfie di Igor il russo con la pistola prima degli omicidi in Spagna

Nuove foto del criminale di origine serba accusato di aver ucciso 5 persone, di cui 3 in Italia