Sabato 09 Settembre 2017 - 16:30

Manchester Arena riapre: Noel Gallagher guida il primo concerto dopo l'attentato

L'area colpita dall'attacco del 22 maggio è stata rinnovata e riaprirà proprio stasera

Noel Gallagher sings as Noel Gallagher's High Flying Birds perform in Croke Park, Dublin

Lo stadio Manchester Arena, teatro lo scorso 22 maggio dell'attacco kamikaze avvenuto dopo il concerto di Ariana Grande che provocò 22 morti e 64 feriti, riapre i battenti stasera con un concerto di beneficenza dal titolo We are Manchester.

A guidare il concerto sarà l'ex degli Oasis Noel Gallagher, che è proprio di Manchester: Don't look back in anger degli Oasis è diventata una specie di inno di unità in città in seguito all'attentato di maggio, dopo che una folla di persone cominciò a cantare il brano spontaneamente durante una commemorazione. Per la riapertura sono state predisposte rigide misure di sicurezza.

L'area colpita dall'attacco è stata rinnovata e riaprirà proprio stasera. All'ingresso sarà richiesto il controllo dei passaporti e non verrà permesso di accedere alla struttura con zaini o borse grandi. Il sindaco di Manchester, il laburista Andy Burnham, ha dichiarato che la riapertura della Manchester Arena "sarà molto emozionante per tutti" oltre che "importante per riunire le persone in un omaggio alle vittime". È attesa la partecipazione di circa 14mila persone, molte delle quali colpite dall'attacco.

A esibirsi, oltre a Noel Gallagher, ci saranno gruppi come Courteeners e Blossoms, e Rick Astley. Attesa anche una performance del poeta locale Tony Walsh, noto come Longfella, che fece commuovere la folla a una veglia nel centro di Manchester il giorno dopo l'attentato con la sua poesia This is the place, che celebrava lo spirito della città. Non ci sarà Ariana Grande, che aveva partecipato invece a un altro concerto per rendere omaggio alle vittime, quello intitolato One love Manchester che si è già tenuto, sempre a Manchester, lo scorso 4 giugno. Allora c'erano anche altri artisti, come Justin Bieber, Coldplay, Miley Cyrus e Pharrell Williams, nonché rappresentanti politici e leader religiosi di diverse fedi, in segno di unità. I fondi saranno destinati a finanziare un memoriale dell'attentato di maggio. Quella sera, subito dopo il concerto della cantante statunitense Ariana Grande, un kamikaze, il 22enne britannico-libico Salman Abedi, si fece esplodere con una bomba artigianale, provocando appunto decine di vittime. La più piccola era una bambina di 8 anni, Saffie Roussos, ma morirono anche molti dei genitori che erano venuti a riprendere i figli al concerto.
 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Artù fa rivivere Rino Gaetano: duetto immaginario su 'Ti voglio'

Molto di più di un semplice brano: "E' un sogno, che va oltre oltre la carriera"

Levante lancia 'Stay Open': collaborazione con Diplo e MØ

Una sfida ambiziosa per il progetto musicale internazionale Tuborg Open, che coinvolgerà anche Russia, Cina, Nepal, Bulgaria e Myanmar

Il ritorno di Malika Ayane: da venerdì in radio 'Stracciabudella'

Il singolo della cantautrice che annuncia il nuovo album

BRIT Awards 2018 - Show - London

Justin Timberlake è disco d'oro: "Say Something" è un successo

Il videoclip ha superato 200 milioni di views su Vevo/YouTube e i 167 milioni di streams