Giovedì 12 Ottobre 2017 - 18:00

Manovra, verso ok a decreto fiscale con rottamazione bis cartelle

Per l'ok alla legge di Bilancio invece bisognerà aspettare lunedì, anche se non è esclusa l'ipotesi di una riunione del Cdm domenica

Senato - Nota di aggiornamento al Def

Dovrebbe arrivare domattina il via libera al decreto fiscale, collegato alla legge di Bilancio 2018, con l'approvazione in un Consiglio dei ministri si terrà in mattinata, probabilmente alle 11. Assente il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan, a Washington per l'assemblea annuale del Fmi. Per l'ok alla legge di Bilancio invece bisognerà aspettare lunedì, anche se non è esclusa l'ipotesi di una riunione del Cdm domenica.

Il Draft budgetary plan infatti deve essere trasmesso all'Ue entro il 15 ottobre, che cade di domenica, facendo slittare la scadenza al giorno dopo. La legge di Bilancio deve invece arrivare alle Camere entro il 20: l'esame partirà dal Senato, dove la manovra dovrebbe arrivare in Aula dopo l'approvazione della legge elettorale. Il decreto fiscale è un tassello della manovra, verosimilmente l'ultima firmata dal ministro Padoan, e garantirà parte delle coperture per il prossimo anno. Qui dunque dovrebbe trovare posto la cosiddetta 'rottamazione bis' delle cartelle esattoriali, con cui si riapriranno le porte a chi non è rientrato nella prima tranche per questioni temporali, a chi ha saltato le rate dei vecchi piani di rateizzazione, o aveva commesso errori formali nella presentazione delle domande.

C'è poi l'ipotesi di una nuova apertura della definizione agevolata anche per le liti pendenti con il Fisco. Due interventi che potrebbero portare quasi due miliardi di euro nelle casse statali. E questi soldi andrebbero a finanziare misure per la crescita e i giovani, da tempo individuate come priorità dal Governo insieme all'inclusione sociale. Proprio sul versante giovani, il ministro dei beni culturali Dario Franceschini ha assicurato che l'esecutivo è al lavoro per confermare anche per il 2018 il bonus cultura da 500 euro per i neo18enni, una misura da 290 milioni di euro che si vorrebbe rendere stabile. 

Scritto da 
  • Antonella Scutiero
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Colombo (Aime): "Con tasse Onu a rischio 41 miliardi export Made in Italy"

Parla il presidente di Aime agroalimentare sulla possibile scelta di Onu e Oms di tassare cibo considerato non sano proveniente dall'Ue

Il salone della tecnologia VivaTech 2018 a Parigi

Google, ecco le 5 maxi-multe antitrust Ue: tutte ai 'big' tech

Tra questi, c'è Qualcomm per 997 milioni di euro: il gigante dei chip sanzionato per aver pagato Apple a usare i propri processori in esclusiva su iPhone e iPad

SYMBOLBILD, Suchmaschinen

Maxi multa per Google dall'Ue: dovrà pagare 4,3 miliardi per Android

Bruxelles intende punire il colosso del web americano per aver abusato della posizione dominante del suo sistema operativo per smartphone

Senato. Commissione Finanze e Tesoro, audizione del Ministro Tria

Tria: "Reddito cittadinanza sarà trasformazione di altri strumenti di welfare"

Il ministro dell'Economia prudente sui tempi di attuazione delle riforme del contratto di governo