Giovedì 15 Giugno 2017 - 12:15

Massimo Razzi sarà coordinatore dell'area web di LaPresse dal 1 luglio

Genovese di nascita e romano d’adozione, ha lavorato come giornalista all'Unità, al Corriere Mercantile, al Lavoro e a Repubblica

Massimo Razzi coordinatore dell'area web di LaPresse dal 1 luglio

Nuovo ingresso in LaPresse, la prima agenzia di stampa italiana multimediale a guida imprenditoriale, a partire dal 1° luglio entra in azienda con la carica di coordinatore dell’area web, il giornalista Massimo Razzi.

Genovese di nascita e romano d’adozione, Massimo Razzi ha lavorato come giornalista all'Unità, al Corriere Mercantile, al Lavoro e a Repubblica. A partire dal 1999 ha iniziato a sviluppare l’online del gruppo, è stato caporedattore di Rep.it, responsabile del sito ReLeInchieste, direttore del visualdesk del Gruppo Espresso e direttore di Kataweb. Con 18 anni di giornalismo online ai massimi livelli, Razzi è considerato uno dei giornalisti italiani con più lunga esperienza sul web.

"La competenza, l’autorevolezza e la grande esperienza di Massimo Razzi saranno fondamentali per continuare il processo di espansione di LaPresse a livello multimediale - dichiara il direttore di LaPresse Vittorio Oreggia - Tenuto conto del periodo estivo, se può servire una metafora di calciomercato, LaPresse con ‘l’acquisto’ di Massimo ha messo a segno un grande colpo".

Scritto da 
  • redazione
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Fedez dietro le quinte del Wind Summer Live Festival

Il tribunale dà ragione a Fedez. I diritti vanno versati a Soundreef

La causa contro un organizzatore di concerti che aveva versato a Siae dalla quale l'artista si è da tempo staccato

Compagnie telefoniche multate per contratti a distanza

I consumatori esultano: "Finalmente giustizia"

Mediaset, Confalonieri: Nuova citazione contro Vivendi, non arretriamo

Mediaset, Confalonieri: Nuova citazione contro Vivendi

"Non arretreremo nella tutela dei nostri interessi"

Futuro dei giornali si discute a Torino. HuffPost: Conta solo brand

Il futuro dei giornali si discute a Torino. HuffPost: Conta solo brand

I principali player mondiali dell'informazione riuniti per il convegno 'The future of newspapers'