Domenica 19 Marzo 2017 - 10:45

Mattarella al Papa: Non ci rassegniamo a violenza

Il capo dello Stato scrive a Francesco per l'anniversario del suo pontificato

Mattarella e Bergoglio

Roma, 19 mar. (LaPresse) - "Nella lieta ricorrenza del quarto anniversario del Suo Pontificato desidero farLe pervenire, anche a nome del popolo italiano, i più sentiti voti augurali. Quest'ultimo anno ha coinciso, per la gran parte, con il Giubileo Straordinario dedicato alla misericordia, che ha rappresentato per milioni di pellegrini in Italia e nel mondo un momento di rinnovamento interiore e di riflessione su valori universali". Sono le parole del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, inviato a Papa Francesco per il quarto anniversario del suo pontificato. "L'incessante attività pastorale di Sua Santità all'insegna del dialogo ecumenico e interreligioso, cui il mondo guarda con ammirazione, è stata ispiratrice di incontri e viaggi di straordinaria rilevanza - prosegue Mattarella - In questo mondo dolorosamente contrassegnato da violenza ed emarginazione, cui non ci rassegniamo, le Sue parole hanno incoraggiato l'intera comunità internazionale ad un maggiore impegno per la riconciliazione e la pace".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Otto persone indagate per blitz Forza Nuova sotto la sede di Repubblica: una è minorenne

Sono state riconosciute con l'aiuto dei video delle telecamere di sorveglianza

Roma, esploso ordigno all'esterno della caserma dei Carabinieri Caccamo

Roma, gli anarchici rivendicano l'attentato alla caserma dei carabinieri di San Giovanni

La bomba è esplosa alle 5,30 in via Birmania. Nessun ferito. La Federazione Anarchica Informale: "Portata la guerra a casa di Minniti"

Spedizione di Forza Nuova sotto la sede di Repubblica

Una dozzina i militanti con bandiere e fumogeni. Su Fb la rivendicazione. Solidarietà da Renzi a Beppe Grillo passando per Giorgia Meloni

Roma, donna trascinata dalla metro: Atac reintegra il macchinista

Il dipendente non sarà impiegato nel servizio passeggeri, ma nella manovra dei treni in deposito