Giovedì 10 Maggio 2018 - 19:30

Diritti tv, Mediapro annuncia ricorso contro annullamento bando Serie A

Il gruppo spagnolo contesta la decisione del giudice Claudio Marangoni

Mediapro presenterà "un ricorso contro la decisione della sezione A del Tribunale di Milano, mediante la quale si sospende il bando presentato per la vendita dei diritti delle gare della Serie A". Lo comunica in una nota il gruppo spagnolo all'indomani della decisione del giudice Claudio Marangoni di confermare la sospensiva sul bando, accogliendo così il ricorso di Sky e predisponendone uno nuovo. Mediapro ritiene "che la sua proposta di commercializzazione sia conforme a quanto stabilito nel contratto con la Lega e a quanto previsto dalla Legge Melandri e nelle Linee Guida".

"Dopo aver analizzato l'ordinanza", si legge ancora nella nota, la società iberica "considera che la propria offerta agli operatori italiani non comprendeva contenuti editoriali e ritiene che, con l'attuale quadro normativo italiano si possa commercializzare pubblicità". "Ciò che preoccupa Mediapro è che il timore di Sky di perdere una posizione dominante sul mercato dei diritti possa generare agitazione all'interno del calcio professionistico in Italia - prosegue il comunicato - La responsabilità di questa situazione non va attribuita a Mediapro". Il gruppo spagnolo "attende la risoluzione del ricorso e rispetterà, logicamente, la decisione del tribunale".
 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

FOTO EMBLEMATICHE PROBLEMI CALCIO IN ITALIA

Diritti tv, altra fumata nera in Lega A: non passa risoluzione con MediaPro

I cinque club astenuti hanno chiesto di aggiornare la discussione a lunedì 28 maggio

FBL-ITA-CUP-JUVENTUS-MILAN-FINAL

Calcio, dai 9 scudetti al record imbattibilità: i numeri di Buffon

Oltre 20 anni di carriera iniziata a Parma e 17 stagioni con la Juve con cui ha ottenuto 19 trofei: nessun bianconero ha fatto meglio di lui

Atalanta - Genoa

Calciomercato, Inter punta Ilicic. Perin dice sì a Juve

L'accesso alla Champions potrebbe determinare il futuro di Mauro Icardi