Giovedì 12 Ottobre 2017 - 13:15

Palestina, accordo tra Hamas e Fatah per riconciliazione

Lo scorso mese Hamas aveva accettato di cedere poteri amministrativi della Striscia di Gaza al governo rivale

Medioriente, Hamas e Fatah raggiungono accordo per riconciliazione

Il movimento Hamas e il partito Fatah hanno raggiunto un accordo sulla riconciliazione politica. Lo ha annunciato il leader del movimento palestinese, Ismail Haniyeh, in una dichiarazione in cui non ha fornito dettagli sull'intesa che è stata raggiunta al Cairo, con la mediazione dell'Egitto. Un funzionario di Hamas ha affermato che i dettagli saranno diffusi oggi, dopo che i colloqui tra i gruppi palestinesi sono iniziati martedì. Lo scorso mese Hamas aveva accettato di cedere poteri amministrativi della Striscia di Gaza al rivale governo appoggiato da Fatah, con la guida del presidente Mahmoud Abbas, (Fatah ne aveva perso il controllo nel 2007).

Secondo l'accordo, 3mila agenti di sicurezza di Fatah si uniranno alla forza di polizia di Gaza. Hamas avrà comunque la più potente fazione armata palestinese, con 25mila combattenti ben equipaggiati. Le fazioni palestinesi sperano che il nuovo dispiegamento di personale di sicurezza ai confini spingerà Egitto e Israele a sospendere le restrizioni ai valichi di confine, un passo importante per restituire vita all'economia della Striscia di Gaza.

Fonte Reuters - Traduzione LaPresse
 

Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Campagna di Russia

La ritirata di Russia 75 anni fa: 100mila soldati non tornarono

"Solo a piedi, sempre a piedi, con un freddo terribile", ricorda ancora oggi l'allora giovane sottotenente della divisione Ravenna Guido Placido

Putin e Erdogan in conferenza stampa a Ankara

Russia, Putin: "Correrò alle elezioni da indipendente"

Il presidente russo spera nel sostegno di più di un partito politico

Handout photo of Kentucky state Representative Dan Johnson (R-KY)

Usa, si suicida deputato repubblicano del Kentucky accusato di stupro

L'accusa di stupro risale al 2013, ma il caso era stato riaperto sulla scia degli scandali sessuali che hanno travolto altri 4 deputati della sua legislatura

Rohingya refugees make their way over a bridge at the Kutupalong refugee camp near Cox's Bazar

Birmania, Msf: "6.700 rohingya uccisi in un mese". E il Papa: "Sono loro Gesù"

Il bilancio ufficiale delle autorità birmane riferito allo stesso periodo è di 400 vittime