Giovedì 12 Gennaio 2017 - 17:45

Meningite, bimba morta a Brescia per pneumococco era stata dimessa

La piccola era arrivata al pronto soccorso con febbre e vomito sabato scorso

Meningite, bimba morta a Brescia per pneumococco era stata dimessa

E' morta per meningoencefalite da pneumococco, la bambina di 5 anni ricoverata agli Spedali Civili di Brescia. La piccola era arrivata al pronto soccorso sabato scorso, 7 gennaio, con febbre e vomito, ma era stata dimessa dopo due ore. L'indomani è stata nuovamente portata in ospedale dai genitori: le sue condizioni erano gravi, ed è stata ricoverata. Tre giorni dopo, mercoledì 11, è morta nel reparto di Rianimazione pediatrica.

"E' stata tempestivamente formulata la diagnosi. Ma nonostante la piccola sia stata immediatamente sottoposta al necessario trattamento clinico farmacologico, è purtroppo subentrato il decesso", sono le parole dei medici dell'Asst Spedali Civili in un comunicato. Non è stata predisposta alcuna profilassi per le persone entrate in contatto con la bambina in quanto, spiegano i sanitari, "le meningoencefaliti e le sepsi da pneumococco si presentano in forma sporadica e non sono diffusive; in tali situazioni non è pertanto indicata alcuna profilassi antibiotica per coloro che hanno avuto contatti con il malato poiché non si verificano focolai epidemici".

"La bambina si è presentata presso il Pronto Soccorso nella tarda serata di sabato 7 gennaio con febbre e vomito, in assenza di segni di interessamento neurologico - precisano i sanitari - Previo trattamento farmacologico della sintomatologia e miglioramento del quadro clinico, la piccola è stata dimessa dopo circa due ore".

Intorno alle 9.30 del giorno seguente, i genitori hanno accompagnato nuovamente la bambina in pronto soccorso. "All'ingresso la piccola si presentava in gravi condizioni cliniche, tali da richiedere l'intervento del rianimatore e il ricovero in ambito intensivo - continuano i medici dell'Asst Spedali Civili - Contestualmente alla diagnosi microbiologica, come da procedura, è stata immediatamente avvisata L'Agenzia di Tutela della Salute di Brescia (Ats) per le valutazioni di competenza".

Precisano dall'ospedale: "Il caso in questione non è da confondere con le forme di meningoencefalite da meningococco delle quali si sta occupando la cronaca in questi giorni, ed alle quali si riferisce l'attività vaccinale di recente attivazione".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Milano, il gip convalida arresto aggressore stazione Centrale

Milano, il gip convalida arresto aggressore stazione Centrale

Hosni giovedì sera ha accoltellato due militari e un agente della Polfer

Milano, marcia Nessuna persona è illegale

Migranti, a Milano l'orgoglio dell'accoglienza: Siamo 100mila

Grasso: "Chi nasce e studia qui è italiano". Contestazione degli antagonisti al governo

Milano, aggressore stazione indagato per terrorismo. In carcere si scusa: Mi dispiace

Milano, l'aggressore si scusa, indagato per terrorismo

Giovedì sera il ferimento di due militari e un agente

Milano, agente Polfer e militare accoltellati in stazione

Milano, agente Polfer e militare accoltellati in stazione

Fermato un uomo di nazionalità nordafricana