Mercoledì 11 Luglio 2018 - 10:15

Caso Diciotti, Salvini: "Aggressori in galera o nessuno sbarco". E assicura: "Governo compatto"

Il ministro dell'Interno: "No autorizzazioni se non ho garanzie che i delinquenti finiscano in cella"

TOPSHOT-ITALY-EUROPE-POLITICS-MIGRANTS

La nave Diciotti della Guardia Costiera è attesa per giovedì mattina nel porto di Trapani. I 67 migranti a bordo dovrebbero toccare presto la terra siciliana, ma alcuni potrebbero finire in manette, dopo mille polemiche, con tanto di tira e molla tra il ministero dell'Interno e quello dei Trasporti. Quest'ultimo ha autorizzato il trasbordo dei migranti sulla Diciotti dal rimorchiatore Vos Thalassa, dove si sarebbero registrati disordini e minacce.

I migranti, agitati di fronte alla prospettiva di essere trasferiti alla Guardia costiera libica, avrebbero protestato con forza, causando un parapiglia che avrebbe spinto il trasbordo sulla Diciotti. Al momento, a bordo della Diciotti ci sono uomini della Capitaneria di Porto e della polizia di Stato, che stanno raccogliendo elementi da riferire poi all'autorità giudiziaria.

"Se c'è gente che ha minacciato e aggredito, non finirà in un albergo ma in galera", tuona il vicepremier leghista Matteo Salvini, titolare del ministero dell'Interno, puntando il dito contro i "delinquenti, non profughi, che hanno dirottato con la violenza una nave", auspicando che "finiscano in cella e poi vengano riportati il prima possibile nei propri paesi". Insomma, prima dell'apertura del porto di Trapani, per Salvini, devono esserci i "nomi e cognomi dei finti profughi".

La Diciotti, spiega l'altro vicepremier, il pentastellato Luigi Di Maio, è "una nave italiana intervenuta in una situazione da chiarire, bisogna farla sbarcare", anche se con l'alleato leghista Salvini, "condividiamo le stesse perplessità" sull'accaduto. Condivisa, soprattutto, è la linea di governo: "I nostri porti non sono chiusi ma lo sono per quelle Ong che non rispettano regole", ha sottolineato Di Maio, usando parole simili a quelle del suo collega.

La situazione migratoria è stata al centro di un confronto tra lo stesso Salvini e il premier Giuseppe Conte. Durante la riunione si è parlato della Diciotti e della riunione europea dei ministri europei dell'Interno ad Innsbruck. All'uscita da Palazzo Chigi, Salvini ha ribadito che "il governo lavora in maniera compatta, parlano i numeri". Il ministro ha quindi rivendicato il calo degli sbarchi, in realtà già iniziato con la 'cura Minniti', suo predecessore. Dal 1 gennaio ai primi dieci giorni di luglio, i migranti arrivati in Italia sono stati circa 17mila, con una diminuzione dell'80% rispetto all'anno scorso.

Scritto da 
  • Matteo Bosco Bortolaso
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Genova, da Baroni (M5S) tweet contro grandi opere, poi lo rimuove. Web insorge: "Sciacallo"

Bufera sul deputato pentastellato. Pd: "Usa la sciagura per fare propaganda"

Vertice tra i 'big' del governo: "Impegno su debito". Scende lo spread

Telefonata tra Conte, Di Maio, Salvini e Tria. Il differenziale Btp-Bund in calo dopo aver toccato quota 278 punti base

Marco Minniti alla festa de L'Unità di Torino

Tav, Esposito: "Perino vs M5S? Pd stani grillini con una mozione"

L'ex senatore dem esorta il suo partito a mettere Toninelli "nella condizione di dover votare un documento al di là della propaganda"

M5s, festa del governo del cambiamento

Allarme suicidi tra i militari, Trenta: "Più caserme al Sud e sostegno psicologico"

La titolare della Difesa: "Occorre lavorare duramente per stare più vicino ai nostri militari e alle loro famiglie"