Martedì 13 Marzo 2018 - 16:45

Migranti, ventiduenne eritreo sbarcato a Pozzallo muore per malnutrizione

Era tra le 93 persone salvate ieri nel Mediterraneo dalla ong Proactiva Open Arms

Libia, migranti al porto di Tripoli

Un giovane di 22 anni di origini eritree, tra le 93 persone salvate ieri nel Mediterraneo dalla ong Proactiva Open Arms, è morto per le complicazioni dovute a una grave malnutrizione. Dopo lo sbarco a Pozzallo era stato ricoverato all'ospedale di Modica in condizioni disperate.

"C'era una persona sulla barca, ha detto che aveva 22 anni, che si chiamava Segen, era eritreo, ed era stato imprigionato in Libia per 19 mesi", ha scritto su Twitter il fondatore di Proactiva, Oscar Camps. "Lo abbiamo salvato domenica", ha aggiunto, "lo abbiamo trasferito in ospedale subito dopo l'arrivo in porto in Sicilia. Oggi è morto per una grave malnutrizione". 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Mastella vieta il transito sul ponte Morandi di Benevento

In via precauzionale il sindaco chiude ai mezzi pesanti il cavalcavia di San Nicola

Palermo, funerali di Rita Borsellino al Don Orione in via Ammiraglio Rizzo

Funerali Rita Borsellino: chiesa gremita a Palermo per l'ultimo saluto

Donne e uomini delle istituzioni, magistrati, rappresentanti delle forze dell'ordine, esponenti delle associazioni antimafia ma soprattutto tanti giovani

Genova, crollo Ponte Morandi: le case evacuate della zona rossa sotto al ponte

Concessione, revoca, stralli. Le parole della tragedia di Genova

Un glossario ragionato dei termini e delle questioni emerse dal disastro del Ponte Morandi

Genova, crollo Ponte Morandi: continuano le ricerche dei dispersi e la messa in sicurezza

Genova, ipotesi rottura strallo. Sequestrati monconi del ponte Morandi. Si cercano i dispersi

Mit: "Verifica strutture spetta a concessionario". Governo si riallinea su revoca. Salvini chiede rinvio dell'intera giornata di campionato