Martedì 13 Marzo 2018 - 16:45

Migranti, ventiduenne eritreo sbarcato a Pozzallo muore per malnutrizione

Era tra le 93 persone salvate ieri nel Mediterraneo dalla ong Proactiva Open Arms

Libia, migranti al porto di Tripoli

Un giovane di 22 anni di origini eritree, tra le 93 persone salvate ieri nel Mediterraneo dalla ong Proactiva Open Arms, è morto per le complicazioni dovute a una grave malnutrizione. Dopo lo sbarco a Pozzallo era stato ricoverato all'ospedale di Modica in condizioni disperate.

"C'era una persona sulla barca, ha detto che aveva 22 anni, che si chiamava Segen, era eritreo, ed era stato imprigionato in Libia per 19 mesi", ha scritto su Twitter il fondatore di Proactiva, Oscar Camps. "Lo abbiamo salvato domenica", ha aggiunto, "lo abbiamo trasferito in ospedale subito dopo l'arrivo in porto in Sicilia. Oggi è morto per una grave malnutrizione". 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

ITALY-LIBYA-EUROPE-MIGRANTS-NGO

Migranti, bimbo nato a bordo nave Aquarius: si chiama 'Miracolo'

Il piccolo è venuto alla luce sull'imbarcazione di ricerca e soccorso gestita da Medici Senza Frontiere e Sos Mediterranee. Lui e la mamma stanno bene

Sole e nuvole ma fa caldo: il meteo del 27 e 28 maggio

Le previsioni del servizio meteorologico dell'aeronautica militare

Roberto Izzo in aula per deporre durante il processo per la strage di Piazza Loggia

Morte Corazzin, sindaco San Vito al Tagliamento: "Verità per Rossella"

Parla Antonio Di Bisceglie, primo cittadino del Comune dove viveva la 17enne che, secondo la testimonianza del Angelo Izzo, sarebbe stata rapita e uccisa da un branco di giovani

Vigili del Fuoco controllano la facciata della Biblioteca Civica Centrale

Roma, giù dal cavalcavia dell'A24: morti suicidi due fratelli gemelli

È successo sull'autostrada Roma l'Aquila, subito dopo Tivoli. Avevano 56 anni