Giovedì 28 Aprile 2016 - 12:15

Milan, proprietario di Alibaba smentisce voci di interesse

Non hanno fondamenta le voci di una trattativa per rilevare la maggioranza delle quote del club

Jack Ma, leader di Alibaba

 Jack Ma, proprietario del giganti cinese dell' e-commerce Alibaba ha smentito le voci di una trattativa in corso per rilevare la maggioranza delle quote del Milan. Secondo i media italiani, Ma avrebbe offerto 400 milioni di euro a Silvio Berlusconi per il del 70% del club rossonero. L'ex presidente del Consiglio starebbe prendendo in seria considerazione l'offerta cinese, ma lo stesso presidente di Alibaba Ma ha risposto con toni ironici su Weibo, la versione cinese di Twitter. "È il Milan nella città italiana di Milano? Ho sentito che Mike Tayson dei Lakers è stato ultimamente a Milano, ma non sono sicuro se era il Milan. Ora Yao Ming sarà nei guai", ha scritto Ma sul social network cinese. L'imprenditore asiatico ha fondato Alibaba nel 1990 ed è anche il proprietario del club di calcio cinese Guangzhou Evergrande.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Donnarumma: Sono sereno, mio futuro dopo la Nazionale

Donnarumma non scioglie dubbi: Il mio futuro dopo l'Europeo U21

"Mi dispiace si sia creato questo putiferio", dice il portiere alla vigilia della semifinale

Milan-Donnarumma, la telenovela continua. Raiola: Incontro con club dopo U21

Milan-Donnarumma, soap continua. Raiola: Incontro con club dopo U21

Ieri il portiere aveva annunciato di voler chiudere il proprio profilo Instagram dopo essere stato vittima di hackeraggio

Il sogno di Berlusconi: Ibrahimovic è un vecchietto, però vorrei rivederlo al Milan

Berlusconi: Ibra è un vecchietto, ma vorrei rivederlo al Milan

L'ex presidente rossonero su Donnarumma: "E' un problema grande, io l'avrei convinto a restare"

Bacca sicuro: Resto al Milan, ho tre anni di contratto

Bacca sicuro: Resto al Milan, ho tre anni di contratto

L'attaccante colombiano: "Io sono tranquillo e sono felice qui"