Domenica 12 Marzo 2017 - 16:45

Milano, Alviero Martini: La rapina? Ho rischiato molto, sono scioccato

"E' insopportabile come in questa città che era meravigliosa non si possa circolare liberamente alle 10.45 del mattino"

Milano, Alviero Martini: La rapina? Ho rischiato molto, sono scioccato

"E' insopportabile come in questa città che era meravigliosa non si possa circolare liberamente alle 10.45 del mattino". Così Alviero Martini, rapinato martedì scorso a Milano, in collegamento con 'Domenica Live' su Canale 5. "E' successo martedì mattina - ha aggiunto - ero uscito di casa al mattino e stavo portando 20 orologi dall'orologiaio per aggiustare delle maglie. In via Fabio Filzi, sono stato fermato da tre ragazzi e uno, puntandomi un coltellino con una lama di 8 centimetri, mi ha detto di dargli i soldi. Gli ho dato due banconote da 50 euro. Sono caduto andando all'indietro e con il coltello mi hanno tagliato un braccialetto che avevo al polso: potevano tagliarmi le vene e i tendini. Ero scioccato".

E ancora: "Sono andato al pronto soccorso per farmi visitare. Avevo il ginocchio e il polso malmesso. Lì ho avuto un crollo fisico. Con il mio manager poi siamo andati in Questura. Ammiro le forze dell'ordine, mi hanno fatto tante domande per provare a ricostruire la scena. Ho capito chiaramente che erano ragazzi dell'Est". "Non si è accorto niente di nessuno. E' uno schifo questa situazione. Al sindaco Sala non posso altro che dire che non è colpa sua", ha concluso Martini.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

E' morto Toto' Riina il 'capo dei capi'.Aveva 87 anni

Totò Riina è morto: come cambia Cosa Nostra senza il Capo dei Capi

Senza Provenzano e 'u Curtu' la mafia è orfana, ma non sconfitta

occupazione negozio Zara

Studenti in piazza contro alternanza scuola-lavoro: tensioni a Milano

Manifestazioni anche nelle piazze di Roma e di altre 40 città